La sinistra lasci stare Casa Pound, Mussolini, i treni in orario e i balilla, ed inizi, invece, ad occuparsi di quei figli degeneri dei centri sociali

Siamo in campagna elettorale? Tutti promettono tutto? Tutti vedono tutto? Ecco, la sinistra inizi, con maturità, ad assumersi le proprie responsabilità verso i centri sociali. Figli degeneri, sì, ma anche parte, e NON va dimenticato, dell’immaginario antifascista. E qui casca l’asino. Mentre Casa Pound deve perdere tempo a giustificarsi (visto che mediaticamente e politicamente, ogni strenua resistenza alle “destre”, in queste settimane, è direzionata sul movimento della Tartaruga. Casa Pound da sciogliere, da disintegrare, da impedire, da interdire, da internare etc.), il Paese si rende conto che non esisterebbe violenza se non fosse per i centri sociali. Ed anche Fratelli […]

  

Amare la destra è ormai una romantica perversione

Dalla Francia all’Italia. In tutto questo trambusto di destre, alla riscossa o dentro la fossa, in questa mattitudine di sfumature, onde e cavalloni, in questa bolgia di entusiasmi e illusioni, mi è venuta in mente quella volta che con lei ho avuto un amore. Tra il serissimo e il faceto. Come Fantaghirò, o le favole del Basile. Ti incantava, ti portava a letto. Ma poi quell’amore furioso e denso, finiva in malora. Scapicollato in qualche ricordaccio, scomodissimo e spinoso. Sul più bello. “Sono distratta”, dice. “Penso alla casa di Montecarlo. È tanto che non l’apriamo, deve prendere aria. Dai fammi rivestire […]

  

5Stelle: bisogna saper perdere e capire la disfatta

Va detto: da chi vince bisogna apprendere, capire. Soprattutto se non si sa più come vincere. Mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa. Da ripetere tre volte al giorno fino al 2018 – forse…-. Sordi alle sirene, nella forte convinzione di essere un tantino più furbi degli altri, abbiamo preso un gancio sinistro al fegato. Tutti. Nel frattempo monta la frenesia del cambiamento a qualsiasi condizione: da Renzi contro tutti a tutti contro Renzi. Ma non solo… Che sia una setta mascherata da operazione commerciale che ha saputo cavalcare la rivoluzione digitale, sempre promessa e mai arrivata, poco importa. Che sia […]

  

Distruggere gli orticelli e far rinascere la destra, ora!

06 giugno 2016: il caos. Ormai si vota, si pensa cavalcando l’onda emotiva, senza base, né radice. Non importa come il Pd si sia ridotto (tra Banca Etruria, mafia capitale, politiche sull’immigrazione, indagati vari, ricchi premi e cotillons), non importa che il M5S sia una sorta di gioco di ruolo alla Orwell, lobotomizzante. Non importa più nulla ormai. Roma casus belli. Chi scriverà i discorsi al sindaco Raggi? Dalla funivia si vedrà meglio l’abusivismo edilizio, quei due tossici mentre si bucano, si potrà capire dove sono le buche o le buste dell’immondizia così da riuscire a fare per bene lo […]

  

Il futuro della destra? Il feudalesimo e le guerre tra vassalli. Tristezza.

Si può uscire dal feudalesimo? Soprattutto, si vuole farlo? Agli occhi dell’elettore medio, povero portatore d’acqua con le orecchie, povero attaccatore di manifesti notturni, salvadanaio di insulti all’uscita del metrò nell’atto eroico, oggigiorno, della distribuzione del volantino elettorale, la bagarre incredibile che si sta generando tra i personaggi in cerca d’autore della destra italiana – di Pirandelliana memoria -, come appare? Di certo, non come uno sprint entusiasmante ed incoraggiante alla guerra – come quando Almirante riempiva piazza del Popolo a Roma, come quando ci fu Fiuggi nel ’95 o come quando Berlusconi scendeva in politica -, piuttosto come una […]

  

Vince la destra… in Francia, non in Italia

La Le Pen vince mentre la destra nazionale zappa gli orticelli, lavora sodo per mettere da parte i soldi e fuggire in Francia. A giudicare dalle bacheche di Facebook, pare di vedere Alleanza Nazionale vincere le “politiche” Così, mentre Gad Lerner crea scioglilingua meravigliosi, tra un maalox e l’altro, in cui non si capisce bene chi fascistizzi o sfascistizzi cosa, sono lontani anni luce i futuristi italiani che invadevano di avanguardia la Francia uscendo col loro manifesto su Le Figaro. Sembrano passati anni luce quando nasceva il Front National ad immagine e somiglianza del Movimento Sociale Italiano. Se un tempo […]

  

I “camerati” della Lega: neri per caso?

In principio fu il celodurismo e “io un accordo con chi va con i fascisti non lo firmerò mai, in questo caso addio”, era il 1994. Poi, con “loro”, ci cadde dentro. In principio bisognava salvare la Lega dall’estinzione. Il carroccio di un tempo ha mutato volto. Dall’indipendentismo, dal federalismo ad una rivisitazione in chiave nazionalista, e non solo. Meno quartierismo, più penisolismo. Insomma, la vecchia generazione del “Roma Ladrona”, storicamente capitanata dallo Sciur Bossi, ha inevitabilmente allentato il passo prima culturale, strutturale poi elettorale, per fare spazio a Matteo Salvini, uno che, evidentemente, ha l’hobby dei (riusciti) restauri e l’armadio pieno […]

  

Quante belle destre a madama Italì

La destra è in ca(m)mino. Tre giorni orsono, tra morsi e sguardi tesi, si chiudeva la parentesi della Fondazione AN, mentre Berlusconi si reinventa, Salvini affonda i canini e Verdini va con Renzi. Si chiude una parentesi e se ne aprono centinaia. Continuamente si ridisegna la strada che ridefinisce chi è l’uomo di destra e che cos’è la destra all’alba della scoperta dell’acqua su Marte. Quella dal passato immenso, capace di tagliare le epoche, e dal futuro che terrorizza. Il presente a destra sembra un tempo dimenticato, mai adatto ad un’area costantemente in crisi di panico, in fibrillazione. Ecco una […]

  

Quei colonnelli che non saranno mai generali

Forse, questa volta, è stata tolta la plastica dal divano. Avete presente quella sottile patina triste, brutale ed impolverata che ogni zia tirchia e cagacavolo teneva sui divani per proteggerli dall’incombente usura del tempo e del deretano? Quel palliativo vecchio, muffoso e stantio che ricopriva l’elegante sofà, lo soffocava e, di certo, non lo proteggeva dal tempo che passa, dalla fine dei suoi giorni. Ecco, forse quella patina plastificata è stata tolta dal divano. Intanto è ufficiale: Gianfranco Fini sarà sindaco di Montecarlo. Svincolato da tutto, potrà dedicarsi al ruolo derivante dalla solenne investitura. Fini è finito e con lui […]

  

Centenario Almirante: quando arrivano i nostri?

Senza il ricorso ad inutili pipponi retorici. Senza sciorinare l’intero ricettario per la cura di un’area, di un’idea e di una struttura politica ed umana. Ieri c’ero. Ero lì. In terza fila di retroguardia ad assistere all’amore e al livore. Cento anni fa nasceva Giorgio Almirante, serata conclusiva, quello a cui potevi dare la mano senza rischiare di sporcartela, parafrasando Montanelli. Il peso della narrazione è incalcolabile, in questo caso; quello della cronaca, inutile. Così scrivo di getto. La chiusura di un corteggio tribale che si rinnova nell’appuntamento con la tradizione. L’unico modo di porla in essere nel 2015, dalle nostre […]

  

Il blog di Emanuele Ricucci © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>