Topolino ci saluta

topolino

Questa volta usiamo il blog per risolvere una questione della carta stampata. Qualche giorno fa abbiamo scritto che il rischio-terrorismo avrebbe indotto The Walt Disney Company Europe e la sua filiale italiana a ritirare il branding e, dunque, il supporto agli storici trofei di sci, calcio e rugby poiché la massiccia partecipazione di ragazzi e accompagnatori avrebbe potuto attirare qualche malintenzionato. Non avendo ottenuto in quel giorno una risposta ufficiale da parte della major americana che, almeno inizialmente, non ha né confermato né smentito l’indiscrezione, abbiamo scritto ciò che ci risultava vero. La precisazione è giunta successivamente da parte di Disney Italia […]

  

Bonsai #32: Economia PopCorn

La crescita italiana è tornata nella penombra di un pil tremulo quanto la fiamma di una candela che sta per esaurirsi. Per non parlare della fiducia di consumatori e imprese italiane crollate ad agosto (rispettivamente a quota 109,2 e 99,4). Il tutto mentre il governo di Matteo Renzi prepara la manovra correttiva per rimediare allo sforamento dei limiti europei sul deficit-pil e Piazza Affari si prepara a digerire il maxi aumento del Monte dei Paschi, su cui per anni si sono appoggiate le amministrazioni toscane grazie ai sostegni al territorio della Fondazione Monte Paschi, un tempo liquida e padrona della […]

  

La scommessa “Emergente”

mosca3

  Se le Borse europee continueranno a essere alle prese con il contraccolpo della Brexit su un pil  del vecchio continente già flebile e con l’ormai certo rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve al massimo a dicembre, peraltro con Wall Street ai massimi storici, c’è una parte dell’economia mondiale che continuerà a crescere a ritmi sostenuti. O Meglio dovrebbe accelerare da qui a fine anno, e forse anche nel 2017, offrendo interessanti occasioni per diversificare il portafoglio di ciascuno di noi: si stratta dei titoli dei mercati emergenti. Attenzione però, stiamo parlando di un investimento di tipo speculativo, […]

  

Il vino paga, ma se è di lusso

internet - materi -

  La filiera del vino italiano continua a pagare la stagnazione dei consumi delle famiglie, ma c’è una lingua di terra che corre dal Piemonte al Veneto dove, malgrado la crisi, resta elevato il valore dei vigneti a ettaro. Si tratta degil appezzamenti da Barolo nella bassa Langa, dei vigneti eroici di Chambave in Valle d’Aosta, attorno al lago di Caldaro in Alto Adige, nella piana Rotaliana a nord di Trento, nell’area delle bollicine del Bresciano, nella zona di Valdobbiadene nel Trevigiano, nel basso  Piave attorno a San Donà, sui Colli Euganei vicino a Padova. I dati sono di uno studio curato […]

  

Fate una domanda ai nostri esperti

A un anno alla nascita, il primo post è andato in rete il 9 ottobre del 2012, Wall & Street apre una nuova sezione: «PAROLA DI GURU».  Darà voce o direttamente la penna agli esperti di risparmio e investimenti, lavoro e tasse, politica economica e Borsa che vorranno condividere il proprio punto di vista ai lettori di questo blog e del Giornale.it, proponendo loro soluzioni pratiche. Aspettiamo le vostre domande, saranno vagliate con l’attenzione che contraddistingue questo blog, raccolte in gruppi omogenei e affidate all’esperto più giusto. Nel suo primo anno di vita, Wall & Street ha affrontato (senza mai […]

  

Siamo anche su Facebook!!!

Da oggi Wall & Street ha anche una propria pagina Facebook  per parlare di risparmio e di investimenti. Ecco l’indirizzo: http://www.facebook.com/wallandstreet Venite a trovarci! Lasciateci i vostri commenti e le vostre segnalazioni! Wall & Street

  

Wall & Street © 2017