Alex Bellini, 5 mila km di corsa da Los Angeles a New York

A me, che non sono una donna, più degli occhi azzurri di Alex Bellini hanno colpito le mani. Grandi ed energiche e non potrebbe essere alttrimenti. Già perchè io di questo trentatreenne valtellinese dell’Aprica che ha già firmato una serie di imprese incredibili ricordo soprattutto le due traversate in solitario degli Oceani su una barchetta a remi. E per remare oltre che cuore , gambe e tanta testa ci vogliono mani d’acciaio. Così oggi, mentre annunciava la sua ennesima sfida, lo guardavo in faccia e ho continuato a chiedermi come abbia fatto. Più di 250 giorni in mezzo all’Oceano da solo, […]

  

La magia della mountainbike? Il rumore delle sue ruote

Solo chi va in mountain bike sa qual è il rumore delle ruote grasse. E’ un rumore intenso che si fa via via più sordo quando si comincia a spingere sui pedali e la velocità sale. Non un sibilo. Più simile al suono di un utensile in un’officina perchè la mountain bike non è una bici da signori. E’ più roba da operai delle due ruote, nulla a che vedere con gli aristocratici della strada sempre tirati e puliti. E solo chi va in mountain bike sa quanto quelli che pedalano sulle bici da corsa non li vedono di buon occhio. […]

  

Scritto in Varie -
1 Commento »  

Da Moser a Cancellara: il tempo vola

– – – – – – – – Il tempo vola. E non solo perchè Francesco Moser e  Fabian Cancellara a cronometro andavano e vanno come il vento. Oggi mi è caduto l’occhio sulla bici con cui Moser nel 1984 stabili il primato dell’ora a Città del Messico pedalando a 51,151 chilometri orari. Un missile. Un missile che sembrava provenisse dal futuro per i test rivoluzionari che aveva fatto, per l’alimentazione curata per la prima volta da Enervit e per la bici futuribile dal telaio alle ruote lenticolari. Allora sono andato a vedere la Cervelo da crono con cui Cancellara a settembre […]

  

Scritto in Varie -
1 Commento »  

E meno male che lo sport “drogato” è il ciclismo…

A botta calda. Senza sapere ancora bene quali siano i contorni della nuova calciopoli, delle responsabilità e delle conseguenze su campionati promozioni e retrocessioni una riflessione però va fatta. C’è stata una squadra, la Cremonese, che durante una partita è stata praticamente mezza dopata per far sì che perdesse. Ai giocatori, con il tè o con l’acqua, è stato dato un farmaco appartenente alla famiglia delle benzodiazepine che di solito viene  utilizzato contro i disturbi di ansia e del sonno. Il risultato è stato che la Cremonese ha perso perchè molti dei suoi uomini sono scesi in campo appannati e […]

  

il blog di Antonio Ruzzo © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>