Il ciclocross fa bene a Fabio Aru ( e viceversa)

C’era un volta il ciclocross,  arte raffinata dell’andare in bici in equilibrio tra neve e fango, arte del guidare, del far fatica ancor più che sulla strada se è possibile, arte antica di un pedalare da cui il ciclismo tutto prende origine e a volte ritorna,  sport meno patinato ma più affascinante dove non c’è il fashion degli sprinter, le tute attillate delle crono o le bici sempre più glamour di Giro e Tour. Solo fango e fatica,  gambe sporche, facce pure come capita alla Roubaix e nelle classiche del Nord dove infatti  è una religione da migliaia e migliaia di tifosi. C’era […]

  

Olimpiadi senza Italia?

Senza bandiera e senza inno ai Giochi. Il rischio c’è e restano 21 giorni per venirne a capo perchè tra tre settimane, il 27 gennaio,   il Comitato Olimpico Internazionale deciderà se sospendere  l’Italia dallo sport mondiale con una decisione senza precedenti nella nostra storia . Perchè pende questa spada di Damocle sullo sport italiano? Il Coni manca di autonomia, l’attuale legge lo ha svuotato delle proprie competenze e pertanto viola la Carta Olimpica e, nonostante l’ultimatum dell’Esecutivo del Cio, il ministro dello sport Vincenzo Spadafora non pare intenzionato a dare risposte da qui a breve.  Il presidente del Coni, Giovanni […]

  

La corsa di Miguel si fa in cento

Cento percorsi tra cui scegliere. Cento percorsi da 10 chilometri su cui da giovedì fino al 20 gennaio si potrà correre la Corsa di Miguel (https://www.lacorsadimiguel.it/) organizzata ormai da vent’anni dal Club Atletico Centrale per ricordare Miguel Benacio Sanchez,  il giovane poeta e podista argentino ucciso nel 1978 a causa delle sue idee politiche durante il periodo di argentina di Rafael Videla. L’edizione di quest’anno, come tutti gli eventi sportivi, fa i conti con il Covid, e quindi diventa social con 100 tracciati scelti dai diversi gruppi podistici sui territori italiani e inseriti  in un  “atlante” curato da Gpsformula (www.gpsformula.com), […]

  

Il Campaccio che non c’è…Aspettando la primavera

Per la 64ma edizione del Campaccio  la Befana quest’anno arriverà il 21 marzo. E sarà una Festa di primavera piene zeppa di significati che si spera porti uno spiraglio di sereno dopo un anno e un inverno davvero cupi. Il direttore di gara Tito Tiberti  già tempo fa aveva  annunciato che lo storico cross di San Giorgio su Legnano  sarebbe slittato: “Il Cross Country merita una vetrina di festa- aveva spiegato- E un Campaccio a porte chiuse per i soli addetti ai lavori e per pochi atleti professionisti sarebbe in qualche modo inadeguato a rendere omaggio al lavoro ed alla […]

  

Anche la sconfitta è meravigliosa…

«La vittoria contiene un brivido che è persino difficile da descrivere, ma anche ​la sconfitta​ ha qualcosa di meraviglioso. Per chi è abituato a vincere, la tentazione di sentirsi invincibili è forte: la vittoria, a volte, può rendere ​arroganti ​e condurre a pensarsi arrivati. La sconfitta, invece, favorisce ​la meditazione​: ci si chiede il perché della sconfitta, si fa un esame di coscienza, si analizza il lavoro fatto. Ecco perché, da certe sconfitte, nascono delle bellissime vittorie: perché, individuato lo sbaglio, si accende ​la sete del riscatto​. Mi verrebbe da dire che chi vince ​non sa che cosa si perde​». […]

  

Il giorno di Fausto

“Quest’anno naturalmente niente celebrazioni intese come quelle degli altri anni, però ci rifaremo l’anno prossimo”. Parola di Sergio Vallenzona, sindaco di Castellania Coppi (fino al 2019 solo Castellania), il paese in provincia di Alessandria dove nacque Fausto Coppi, di cui oggi si ricorda la scomparsa. “Oggi ci siamo limitati a celebrare la messa con un po’ di gente- spiega- Avremmo dovuto consegnare il premio ‘Welcome Castellania’, come ogni anno, a due giornalisti sportivi che si occupano di ciclismo, in questo caso uno spagnolo e un olandese. Lo faremo la domenica successiva alla Milano-Sanremo”, che si correrà il 20 marzo, tornando […]

  

C’era una volta il ciclismo dietro motori

Proprio in questi giorni di festa agli ordini del ct Marco Villa  si sono ritrovati nel  velodromo di Montichiari  gli azzurri della nazionale italiana di ciclismo su pista, partendo da Filippo Ganna ed Elia Viviani, punte di diamante di un gruppo che si avvicina con grandi motivazioni ai Giochi Olimpici di Tokyo in programma in estate. Il ciclismo su pista autorizza sempre a rimestare tra i ricordi. C’era una volta il ciclismo dietro motori e adesso non c’è quasi più. C’erano una volta i derny, roba per nostalgici. Roba da Sei giorni. Roba da olandesi e da fiamminghi. Roba per malati della […]

  

il blog di Antonio Ruzzo © 2022
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>