Addio a Sepúlveda, il cantastorie che odiava la cronaca

Aveva scelto come casa le Asturie, la regione del Nord della Spagna che, con i suoi prati verdissimi a picco su una costa rocciosa attaccata dalle onde del mare torbido e agitato, gli ricordava il Cile della sua infanzia. Luis Sepúlveda Calfucura se ne è andato in un letto dell’Hospital Clinic dell’Università di Oviedo, dopo che a fine febbraio, rientrando a Madrid da un viaggio in Austria, era risultato positivo al Covid-19, con sintomi di polmonite. Quanto è curiosa la vita, anche per chi è abituato a inventarne di più strane. Sepúlveda è sopravvissuto ai potenti e ghiacciati getti d’acqua che le […]

  

Cara Kirchner, le scrivo da italiano offeso

Gentile Signora Cristina Elisabet Fernandez Wilhelm Kirchner, Vice presidente dell’Argentina, da italiano molto offeso e sorpreso, le scrivo perché lei qualche giorno fa, attaccando un suo avversario politico d’origini italiane, ha definito tutti gli italiani “geneticamente mafiosi”. Stava parlando con i giornalisti della gestione dell’ex presidente argentino, Mauricio Macri, ma ha voluto tiare in ballo un Paese intero, l’Italia che, forse dimentica, ha un notevole e importante peso nelle nascita della sua nazione. Lei era all’Avana, alla Fiera del Libro, quando l’è venuta in mente l’idea poco geniale di collegare i parenti di Macri alla ‘ndrangheta, citando il quotidiano Pagina 12, suo […]

  

Da Madrid a Barcellona si viaggerà soltanto in treno

Ada Colau, sindaca di Barcellona, al suo secondo mandato lancia la sfida: da Barcellona a Madrid e viceversa, si andrà soltanto in treno. Basta con i voli di linea e quelli low-cost che inquinano. La tratta di 600 km tra le due città più visitate di Spagna da oltre vent’anni è coperta dal servizio dell’Alta velocità della Renfe, l’azienda statale delle ferrovie spagnole. È stata la prima linea veloce inaugurata ed è la più frequentata con una media di 2,3 milioni di passeggeri all’anno. Tuttavia le tariffe sono ancora molto alte: in media un biglietto in prima classe andata e ritorno […]

  

Addio a Italo Moretti che ci raccontò il Sudamerica

Prendo un momento per ricordare il collega Italo Moretti, scomparso pochi giorni fa, inviato per la Rai nel Cile del golpe di Pinochet e nella Madrid del post Franchismo. Fu anche direttore del Tg3. È morto a 86 anni, lo scorso 9 gennaio Italo Moretti, giornalista televisivo che per molti ani si è occupato di questioni iberiche e ispaniche per la Rai. Ha viaggio per molti anni per tutto il Sudamerica: nel settembre del 1973 fu tra i primi giornalisti ad arrivare a Santiago per raccontare il colpo di stato di Pinochet che era in atto. Divenne uno dei massimi esperti […]

  

Cile, rissa in tv contro ex deputato negazionista dei crimini di Pinochet

È ancora molto tesa la situazione polita e sociale in Cile. E ormai anche in tv si verificano esempi della crisi del Paese del Cono Sur. Pochi giorni fa, durante la trasmissione Bienvenidos, un programma mattutino condotto dalla giornalista e presentatrice Tonka Tomicic è scoppiata una rissa in diretta tv con Hermogenes Pérez de Arce, un controverso editorialista ed ex deputato di destra, ospite della trasmissione.  Pérez de Arce, ricordando il Caudillo, ragionando sulle attuali proteste e rivolte dei cileni, ha sostenuto che si stava meglio con la dittatura di Augusto Pinochet che non ha commesso nemmeno la metà dei crimini di cui lo si accusa. L’editorialista ha richiesto […]

  

Il blog di Roberto Pellegrino © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>