Improvvisati del Teknival clandestino, imparate dalla Love Parade a divertirvi e a chiedere “per favore”

Federico di Vita, collaboratore di Esquire, scrive che al rave di Vitebo o meglio, come scrive lui Teknival in un campo secco tra Lazio e Toscana si è tenuto, non un assembramento non autorizzato di giovani, esagerato dalla stampa bigotta, ma “…un Free Party o meglio ancora un Teknival, ovvero una sorta di festival dedicato alla musica Free Tekno, che fiorisce grazie al convergere in un punto preciso di una serie di crew, cioè di gruppi che portano con sé muri di casse, dj set, luci, teloni e proiettori per creare, ciascuno per conto suo, uno spazio in cui ballare, […]

  

Il ventre molle delle autorità italiane davanti ai drogati del rave

Quello che è successo e sta ancora succedendo a Viterbo, in un’oasi naturale in Spagna, terra del proibito proibire, non sarebbe mai accaduto. Diciamolo subito: in qualsiasi discoteca di Ibiza gira più anfetamina e cocaina di ogni luogo terraqueo, ma è un luogo di divertimento, di musica e di danza, non è una spiaggia libera e, comunque, i controlli sono molti, c’è soltanto una “tolleranza” dei padroni del music club, ma poi, la Policia, all’uscita della disco, fermano centinaia di giovani e vai con denunce e arresti. Tuttavia l’obbrobrio umano di un rave, organizzato in un bel posto, senza rispettare […]

  

Il blog di Roberto Pellegrino © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>