Iglesias litiga con il suo Governo per i migranti

Arrivano le prime tensioni nel Governo del socialista Pedro Sánchez. A generare il primo dibattito è stato il ministro degli Interni Fernando Grande-Marlaska che si è espresso sulla politica verso gli immigrati della Spagna. Dinnanzi a un aumento sostanziale degli sbarchi alle Canarie negli ultimi sei mesi, Grande-Marlaska ha espresso la volontà di rendere più difficile chiedere asilo in Spagna da parte dei migranti e aumentare le operazioni di rimpatrio per gli irregolari. Il capo del dicastero degli Interni si è anche complimentato con la corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo che ha dato ragione alla Spagna per un […]

  

Tre milioni di immigrati per la Spagna

Secondo José Luis Escrivá Belmonte, il 59enne ministro per la Sicurezza sociale, inclusione e migranti, la Spagna deve attrarre “milioni e milionid’immigrati”, lavoratori stranieri che sarebbero “necessari nei prossimi tre decenni per rispondere alla domanda del mercato del lavoro“. Per Escrivá, in carica dallo scorso 13 gennaio, solo così si eviterà la “giapponesizzazione” dell’economia e della società spagnola ma, il ministro, afferma che “dovremo spiegarlo alla società”. Escrivá è un economista indipendente indicato dal Psoe, uno dei partiti della coalizione di sinistra al governo insieme a Podemos, ai Socialisti Catalani (PSC) e alla sinistra radicale di Izquierda Unida (IU). Secondo l’economista-ministro, la Spagna non può permettersi l’accettazione passiva […]

  

Le sardine di Barcellona, unite ma senza un’idea originale

Il movimento non ancora diventato partito politico delle “Sardine” che,  dallo scorso autunno sta riempiendo alcune piazze del Nord e Centro Italia, soprattutto quelle di Roma, Bologna, Parma e Modena, creatosi come risposta al populismo di destra della Lega di Matteo Salvini, dopo una fugace apparizione a dicembre a Madrid, presso la statua dell’orso a Plaza del Sol, domenica 19 gennaio si è riunito a Barcellona. Le  “6000 sardine Barcellona” si sono incontrate, dopo un tam-tam su Facebook e Twitter, a Plaça del Rei, a un passo dalla Rambla, come una sezione distaccata delle sardine italiane.  Secondo gli organizzatori erano in cinquecento domenica […]

  

L’Italia diventerà il più grande hot-spot per i migranti?

Che ne pensate dell’immagine copertina dell’ultimo numero di Left? Deve quindi l’Italia, ora che ha un Governo mezzo rosso, diventare il più grande grande hot-spot del Mediterraneo per i flussi di migranti? Ne abbiamo le risorse? O finiremo per sputtanarci a livello mondiale con qualche scandalo di malversazione di denaro pubblico come è successo nella gestione dei migranti che sembra più proficua del traffico di cocaina?

  

L’Invincibile Armata fermata dalla procura di Agrigento

Il Governo di Madrid (che per la cronaca deve ancora eleggerne in Parlamento uno nuovo in base alle legislative celebrate quattro mesi fa) aveva deciso di inviare la nave militare “l’Audace” a Lampedusa per raccogliere i cento immigrati a bordo da venti giorni sulla nave Ong Open Arms. “Dopo aver considerato diverse opzioni, il Governo spagnolo, secondo le raccomandazioni logistiche della Marina, ritiene che questa azione sia la più appropriata per risolvere l’emergenza umanitaria”, aveva annunciato la Moncloa.  Tutto era pronto. La nave Audace della Fuerzas Armadas de España sarebbe dovuta partire alle 17:00 di martedì 20 agosto dalla base navale di Rota […]

  

Le accuse di Camps all’Italia: “Complice dei trafficanti di uomini”

Il direttore della Ong spagnola-catalana Proactiva Open Arms, Óscar Camps, ha accusato l’Italia e Malta di non voler sbarcare le 151 persone salvate. Parole di biasimo anche per la Spagna che è colpevole di restare alla finestra e non fare nulla in questa situazione così delicata. In un’intervista alla tv radio SER, Camps ha rivelato di aver chiesto per tre volte un incontro con il premier Sánchez, ma dalla Moncloa sono arrivati soltanto “no”. “Avrei voluto prendermi un caffè con il premier, ma siamo riusciti a parlare, invece, con Macron e la Merkel”, ha rivelato Camps. “Quando siamo consapevoli che il […]

  

Le ragioni di Javier

Javier Ángel Encinas Bardem noto come Javier Bardem, figlio di José Carlos Encinas Doussinague e dell’attrice Pilar Bardem, nipote del regista Juan Antonio Bardem e fratello minore degli attori Carlos e Mónica Bardem, come noto, appartiene a una potente e famosa famiglia del cinema spagnolo. La madre era amica di Luis Buñuel, la famiglia molto vicina ai Socialisti (frequentano da sempre i pesi massimi del socialismo iberico,  da Felipe Gonzalez a José Luis Rodriguez Zapatero). Bene, Javier ha preso la parola in un filmato autoprodotto per dire la sua sul caso della nave Open Arms. Ha chiesto di intervenire immediatamente […]

  

Sanzioni alle Ong, Salvini docet e la Spagna le inasprisce. Ma l’Europa non le vede.

Oscar Camps, il santo catalano e fondatore della Ong spagnola-catalana, Proactiva Open Arms ha un diavolo per capello. Si trova tra due incudini, ma non lo dice. Non lo spiega. Nasconde che il ministro dello Sviluppo spagnolo José Luis Ábalos, un mese fa abbondante gli ha fatto una bella lavata di testa. Gli ha intimato chiaramente che se continuerà a navigare vicino le coste libiche per caricare i migranti, appena rientra a Barcellona, si prende un ceffone colossale di multa che va da 300 mila euro a 901 mila euro. Sì, avete letto bene. Già prima dell’approvazione del ddl di Matteo Salvini, che ha […]

  

Carola a El País: “Salvini fa uso del sessismo e razzismo”

Qualche giorno fa El Pais, il quotidiano socialdemocratico più letto di Spagna, ha intervistato Carola Rackete. Vi riporto i passi più interessanti. D: Come è diventato un simbolo della resistenza della politica “Porti Chiusi” di Salvini? R: Non mi interessa parlare di lui e della sua politica assurda. Dico solo che sapevamo che infrangere quella legge avrebbe attirato molta attenzione su di noi, benché Molte persone stanno aiutando i migranti in Europa, accogliendo i rifugiati. D: Mario Vargas Llosa ha annunciato che chiederà il premio Nobel per la pace. R. Sono rimasta molto sorpresa. Mia sorella mi ha inviato le […]

  

Sea Watch, questa volta la Spagna tace

Il ministro degli Interni Salvini segue la sua politica di respingimento così come da anni la Spagna applica, nel silenzio del’Europa, la stessa norma, anche in modo più severo e senza strappi (come, invece, avviene in Italia). Ada Colau, la sindaca progressista, appoggiata da Podemos e dai comunisti catalani, però stavolta è rimasta in silenzio davanti al rifiuto italiano alla Sea Watch di sbarcare i migranti raccolti davanti alla Libia. Nemmeno Madrid ha commentato. Silenzio sulla questione. Non come un anno fa esatto, quando le navi Aquarius e Open Arms furono accolte nei porti di Barcellona e Valencia. Ma un […]

  

Il blog di Roberto Pellegrino © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>