Soltanto il 5% degli spagnoli è stato contagiato dal Covid-19

L’indagine epidemiologica avviata in Spagna quasi tre settimane fa inizia a dare i primi dati importanti, ma purtroppo non buoni sull’andamento del Covid-19. Lo studio procede con il test sierologico su 70 mila persone e sta evidenziando che soltanto il 5% della popolazione è stato finora contagiato. Un dato che dimostra l’efficacia del tanto criticato lockdown che in Spagna è iniziato a metà marzo e terminerà a fine giugno. Ma i dati pongono ben altri interrogativi per il futuro. Infatti, se il 95% della popolazione non è ancora stata contagiata dal Covid-19, la situazione di emergenza potrebbero andare avanti ancora […]

  

Spagna, divisa a macchia di leopardo tra Fase 0 e 1

Con la decisione delle comunità spagnole, meno colpite dal virus, con pochissimi contagiati e ancor meno malati e decessi, di riaprire, su consiglio del Governo centrale di Madrid, bar, musei e librerie pubbliche, in Spagna in alcune regioni e province è iniziata la Fase 1, però è aumentata la confusione. La maggior parte delle comunità si è trovata ad avere un territorio diviso tra Fase 1 e Fase 0. Alcune province a rischio alto di contagio affiancate da territori a rischio basso. È una semilibertà che molti spagnoli attendevano da settimane, che, però, sta provocando disordine, confusione, molte polemiche e […]

  

Spagna, due settimane di confinamento per chi entra nel Paese

Madrid ha deciso di porre in quarantena tutte le persone che arrivano in Spagna da Paesi della Ue. Italia compresa. Chi entra in Spagna, dovrà, quindi sottoporsi obbligatoriamente a un confinamento di 14 giorni a partire da venerdì 15 maggio. Il dl deciso oggi rimarrà probabilmente in vigore fino all’inizio della Fase 1, fissata al momento per il 24 maggio, con possibili e più che probabili nuove proroghe. Questo non significa che la Spagna ha riaperto le frontiere, anzi. Tuttavia il divieto potrebbe acquisire importanza nelle prossime settimane, durante la Fase 1, quando il Governo dovrebbe allentare tutte le restrizioni […]

  

La magistratura spagnola indaga i decessi per il virus nelle case di riposo

Il Covid-19 in Spagna ha causato oltre 26 mila morti, soprattutto nelle case di riposo per anziani. È questa fascia d’età che ha sofferto e subito la sorte peggiore in questa tremenda epidemia che ci tiene stretti nella sua morsa da quasi tre mesi. In molte strutture i primi soccorsi, soprattutto quelli arrivati con molto ritardo, hanno trovato ottantenni morti nei loro letti o agonizzanti. Abbandonati dal personale di cura della casa di riposo che, davanti a un’epidemia così violenta e veloce, si sono fatti cogliere dal panico e dalla paura e se la sono data a gambe levate. Non […]

  

Sánchez la spunta al Congresso: lockdown prorogato al 24 maggio

Il premier socialista Pedro Sánchez alla fine l’ha spuntata e ha raccolto in Congresso i voti necessari per fare approvare la nuova proroga del “congelamento” del Paese al 24 maggio. Ed è la quarta volta dal 14 marzo che viene posticipata la fine dello stato d’allerta, un periodo eccezionale in cui il Governo in carica può assumere tutti i poteri dei vari governatori delle diciassette autonomie. E per fare questo era necessaria l’approvazione delle Cortes, Camera Alta e Bassa, iniziando dal Congreso, il Parlamento. Lo stato dall’erta o d’emergenza può durare soltanto due settimane, poi va rinnovato sempre col voto parlamentare. […]

  

Il confinamento casalingo rispolvera il Decamerone

In questo periodo di ancora confinamento in casa, salvo casi particolari di chi è ritornato a lavoro, è aumentato l’interesse per i siti che si occupano di letteratura. La buona notizia è che con tanto tempo libero è stato più facile concentrarsi sulla lettura, tanto che molti nuovi lettori hanno voluto affrontare i grandi classici, italiani e stranieri. In Italia e in Spagna classici come “I Promessi Sposi” di Alessandro Manzoni e “Il Decamerone” di Giovanni Boccaccio, sono andati molto forte nella classifica dei libri più letti durante il lockdown. Sicuramente il motivo è da ricercare nell’argomento della pestilenza presente […]

  

Nel 2020 l’economia spagnola subirà un crollo storico del 9,2% del Pil

Entro il 2020 si verificherà in Spagna un crollo senza precedenti fino al  9,2% del Pil. L’economia spagnola chiuderà l’anno con un calo storico sto interno lordo a causa dell’impatto che la pandemia mondiale del coronavirus sta avendo sui Paesi. Attualmente si è già verificato  un crollo del 5,2% nel primo trimestre dell’anno. Il disavanzo sarà pari al 10,34% del Pil (nel 2019 era del 2,8),  il maggiore dal 2012, quando ha raggiunto il 10,7%; il debito passerà dal 95,5% del Pil al 115,5%; e la disoccupazione raggiungerà il 19%. In totale, il Governo stima l’impatto delle misure adottate per combattere il […]

  

Gli spagnoli, in coda ordinati e senza protestare

Fabrizio Barbuto su Libero scrive che agli spagnoli non piace fare la coda, come agli italiani e ai francesi. Ti rubano il posto, saltano la fila, fanno i furbi. Non è così. Probabilmente Barbuto in Spagna non ci è mai venuto o forse ha scambiato una coda di italiani che s’imbarcava su una nave nel porto di Barcellona per una coda di spagnoli. Ve lo posso garantire. Ed è un fatto che mi ha sorpreso sedici anni fa, quando sono venuto a vivere, prima nella capitale della Catalana e poi a Madrid. Mi ha colpito l’ordine esemplare con cui gli […]

  

La convivenza forzata aumenta le violenze domestiche

In Spagna la convivenza forzata in casa di alcune famiglie problematiche e no, sta producendo un aumento sensibile delle violenze di genere. E ancora una volta a soccombere sono le donne, madri, mogli e compagne. Lo testimonia l’impennata del +30% di chiamate al numero di assistenza gratuita  016. Il confinamento, oltre a produrre liti che sfociano in separazioni e chiamate ai propri avvocati, è la causa della violenza domestica, di cui la Spagna per anni è stata nelle prime posizioni in Europa per numero di vittime. I dati del ministero dell’Uguaglianza avvisano che dal 14 marzo al 15 aprile 2020, sono […]

  

Il Coronavirus manda in vacanza i tori di San Fermín

Il prossimo 6 luglio, a mezzogiorno, nella piazza del municipio a Pamplona non cominceranno i festeggiamenti de Las fiestas de San Fermin o Fermines. Non ci sarà il lancio del chupinazo, o txupinazo, per non fare arrabbiare i baschi. Il razzo solitamente annuncia l’inizio de Las fiestas e viene lanciato  da una persona (che solitamente rappresenta un’associazione di artigiani) scelta dai pamploneses. Il coronavirus ha cancellato una delle fiestas più antiche e famose di Spagna. Era successo prima, soltanto durante la Guerra Civile, tra il 1936 e il 1937 e nel 1978, quando uno studente morì a seguito di violenti disordini avvenuti […]

  

Il blog di Roberto Pellegrino © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>