La convivenza forzata aumenta le violenze domestiche

In Spagna la convivenza forzata in casa di alcune famiglie problematiche e no, sta producendo un aumento sensibile delle violenze di genere. E ancora una volta a soccombere sono le donne, madri, mogli e compagne. Lo testimonia l’impennata del +30% di chiamate al numero di assistenza gratuita  016. Il confinamento, oltre a produrre liti che sfociano in separazioni e chiamate ai propri avvocati, è la causa della violenza domestica, di cui la Spagna per anni è stata nelle prime posizioni in Europa per numero di vittime. I dati del ministero dell’Uguaglianza avvisano che dal 14 marzo al 15 aprile 2020, sono […]

  

La Generalitat sfida la Corte Costituzionale

Il Parlament de Catalunya martedì mattina  ha confermato la sua disobbedienza alla Corte costituzionale e ha approvato una mozione a favore dell’indipendenza anche se, poi, è stata sospesa dall’Alta corte mentre era in discussione. E, nonostante il fatto che il presidente della Camera, Roger Torrent, e il resto dell’Ufficio di presidenza fosse stato avvertito fino a tre volte nelle ultime settimane che avrebbero sostenuto “responsabilità penali“, se avessero promosso qualsiasi risoluzione relativa alla secessione. La mozione, presentata dal partito di Candidatura de Unidad Popular​​ (CUP), ha avuto il sostegno dei partiti indipendentisti  JxCat e la Sinistra Repubblicana catalana (ERC) e l’astensione […]

  

I Socialisti spagnoli si accordano con gli ex Indignati per governare

E alla fine accordo fu. Ci siamo dovuti subire per sette lunghi mesi, e un’estate caldissima, le manfrine tra Pedro Sánchez, premier socialista uscito per due volte vincitore dalle elezioni del 28 aprile e del 10 novembre e Pablo Iglesias, il professore di Giurisprudenza alla Complutense di Madrid che vuole entrare nella storia. Due giorni dopo la ripetizione elettorale, con l’animo degli spagnoli sul filo di una crisi di nervi, PSOE e UP hanno trovato la quadra e hanno sottoscritto una specie di accordo preliminare, senza però spiegare più di tanto ai media. Sappiamo che il professore col codino da tanguero si mette in […]

  

Violentata a quattordici anni da cinque, ma per il giudice non è stupro

Queste notizia fanno parecchio male alla Spagna. Oltre a lasciare l’amaro in bocca e rabbia nel cuore. Come Paese europeo più a Sud del Mediterraneo, la Spagna da quasi una quindicina d’anni si è dotata di leggi molto severe, quasi scandinave, su uguaglianza nei sessi e, soprattutto,  per combattere la violenza di genere. Fu il premier socialista Zapatero, pochi mesi dopo le sue elezioni nel 2004, a rivedere le leggi che proteggevano le donne e condannavano i violenti e violentatori. Leggi severe, dove l’uomo perdeva il diritto di presunzione d’innocenza, rimanendo colpevole fino a quando era lui, assieme ai fatti […]

  

Laura, Louisa, Maren e Antonio, vittime della declinazione dell’odio

Il pomeriggio è ancora caldo a El Campillo, paesino andaluso a cinquanta chilometri a nord-ovest di Siviglia. In questo borgo di meno di duemila anime, Laura Luelmo, 26 anni, insegnante di educazione tecnica, ha appena preso possesso di un appartamento. In lista da due anni, ha ricevuto il suo primo incarico da professoressa presso un istituto tecnico della zona. Felice per l’impiego e l’opportunità di lavorare, ha salutato il fidanzato e la famiglia e lunedì 10 ottobre è partita per la provincia di Huelva. Martedì pomeriggio, il giorno prima di incontrare a scuola i suoi studenti per la sua prima […]

  

Il blog di Roberto Pellegrino © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>