Trent’anni dal primo migrante

Fu trovato sulla spiaggia andalusa di Tarifa. Aveva pochi vestiti addosso impregnati d’acqua, le braccia disposte a croce col viso rivolto al cielo, dopo che aveva attraversato con una zattera improvvisata lo stretto di Gibilterra, morendo tra le onde. Il suo corpo il mare lo restituì il primo novembre del 1988. Era un marocchino attorno ai venticinque anni, fu la prima vittima censita dell’immigrazione attraverso il Mediterraneo. La sua immagine fu immortalata dal giornalista spagnolo Ildefonso Sena con la sua Nikkon: dieci scatti in bianco e nero che fecero il giro del mondo e denunciarono qualcosa che molti non conoscevano. […]

  

I dolori della Dolores

La ministra della Giustizia Dolores Delgado, ex giudice dell’Audencia Nacional, (il Tribunale Supremo di Spagna) specializzata in reati di terrorismo, islamisti e irredentisti, in una conversazione privata al ristorante ha definito il collega degli Interni, Fernando Grande-Marlaska “frocio di merda”. Le registrazioni sono state realizzate, con l’inganno e col fine di un ricatto, da una tale José Manuel Villarejo, un commissario di Policia, venduto ai servizi segreti deviati dell’Intelligence spagnola (e attualmente in carcere per vari reati, tra cui il riciclaggio e il ricatto). Le parola della ministra sono finite nel Web innescando una quasi crisi politica per il premier Pedro […]

  

Il blog di Roberto Pellegrino © 2022
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>