Geometria variabile

È tutta questione di… scelte. Sentiamo spesso dire che tutti confidano nella Magistratura, e che le cose dovranno fare il loro corso. Intanto, ovviamente, non sappiamo più nulla di Palamara e nemmeno delle sorti degli Onorevoli e Senatori implicati nei suoi affari? A miei tempi a scuola, al termine della dimostrazione di un teorema di geometria si scriveva l’acronimo c.v.d., come volevasi dimostrare. In effetti, la nostra politica, intendo dire quella occidentale e ormai in gran parte mondiale, è, come la nostra diplomazia, a geometria variabile, ossia cambiano costantemente le relazioni tra i termini, ma restano uguali le sostanze clientelari. […]

  

Vota la solita canzone

È tutta questione di… politica. Siamo in una situazione critica in Italia? Direi di sì, ma non è una questione esclusivamente nazionale. Penso che la situazione sia critica per il mondo intero. È sufficiente leggere le notizie che provengono dalle diverse parti del globo, sulle politiche sconsiderate verso la Natura e il pianeta, dai media che si dedicano a cose inutili e circensi (senza nessuna offesa verso la tradizione di questi grandi artisti…). Tutto questo ci fa pensare alla nota frase di Mark Twain: “Se votare facesse qualche differenza, non ce lo lascerebbero fare“. E sembra che la nostra situazione […]

  

Politici servi

È tutta questione di… vergogna. Questa è la notizia, secondo la tradizione italiana, rinvenibile in qualsiasi schieramento.  Il fatto è che siamo in Toscana, come accade in alcune zone della Liguria, e in altre regioni più o meno colorate del resto d’Italia. Quando per troppi anni stanno al potere le stesse persone, gli stessi vassalli, valvassini e valvassori, è fisiologicamente impossibile che si manifesti una benché minima imparzialità. E poi, quando leggiamo che esistono chiamate dirette, significa che vi sono state cene, incontri e appuntamenti nei quali si è precisato l’orario esatto della chiamata futura. Quindi, se le cose dell’attuale […]

  

Votare è moda

È tutta questione di… libertà. Non sono ancora certo che ci facciano votare. In rete troviamo questa frase di Mark Twain: “Se votare servisse a qualcosa, non ce lo farebbero fare”. E quindi, partiamo dal presupposto che probabilmente non cambierà nulla. In effetti, se andiamo a ben vedere, tutte le promesse in cui i cittadini italiani hanno in passato creduto e per cui hanno votato i loro rappresentanti, si sono realizzate solo in minima parte. E queste mie considerazioni, hanno una valenza antropologico-mentale, proprio perché le inserisco nell’ambito di un atteggiamento che sembra generalizzabile rispetto a coloro che assumono il […]

  

Il blog di Alessandro Bertirotti © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>