Splendida Minima. Piccole sculture preziose nelle collezioni medicee. Il tesoro dei Granduchi toscani.

image002untitled292e94bff46a82a2a6edf7387f96f9c630427b62fa48a4e6b7f5c46fd1d9dc9dd82de55bb3ad4119imagesuntitled46untitled1image002untitled47

Come recita il suo titolo, questa mostra è dedicata ad una particolare classe di manufatti di grande valore artistico e raffinatezza, sebbene di ridotte dimensioni: piccole sculture a tutto tondo in pietre preziose, di epoca ellenistico romana, per secoli al centro dell’interesse collezionistico dei Medici e oggi in gran parte patrimonio del museo del Tesoro dei Granduchi delle Gallerie degli Uffizi. Nelle Gallerie degli Uffizi si conserva la più importante raccolta esistente di un settore rarissimo dell’arte della glittica, le piccole sculture in pietra dura prodotte principalmente in età ellenistica e romana, la cui tecnica andò perduta nei secoli del […]

  

Buffoni, villani e giocatori alla corte dei Medici. Questa singolare mostra a Palazzo Pitti a Firenze svela la corte barocca avvolta da una triste comicità.

f19dddc346cc111f733ca2046cb1c7b97d28e15181d874e11ea3f6817c9a5d1b784e0dda91b90d354f73abb1bc0fbf8aee8ec8d58aa5160ea49085-Fig_10feaed6f482acc474e684793a22a81a0935b8625c9ddca75f5cbb74ed23d736e9cd9e7a457d011d7d2e81bd79d60fe133dccf817835755e3a3da6b4d

Stupisce molto questa mostra, e stupisce per i soggetti mirati al tema individuato alla costruzione dell’esposizione. Circa trenta opere del Seicento e Settecento, prevalentemente provenienti  dai depositi della Galleria Palatina e dalla Galleria delle Statue e delle Pitture (entrambe facenti parte del complesso delle Gallerie degli Uffizi creato dalla recente riforma), illustrano soggetti figurativi bizzarri ricorrenti nelle collezioni medicee. Si tratta di scene cosiddette ‘di genere’, che nell’universo codificato di questo tipo di pittura,hanno permesso  di illustrare, spesso anche con intenti morali o didascalici, aspetti comici della vita sociale e di corte, cioè quei temi ritenuti altrimenti bassi e privi […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019