La Biblioteca del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Libri e documenti del Regno Sabaudo, del Regno d’Italia e della Repubblica Italiana. Un patrimonio prezioso e fondativo.

                                                                                                                                                                                              La Biblioteca del Ministero Affari Esteri Italiano (Piazzale della Farnesina, 1 – 00135 Roma) ha origine da un primo nucleo di circa 9.000 volumi, comprendente opere storiche, giuridiche e letterarie provenienti dal Gabinetto Reale dei Re di Sardegna, sistemato su diretta iniziativa proprio del Conte Camillo Benso di Cavour.  La sua storia è legata all’evoluzione delle amministrazioni centrali del Regno Sabaudo prima e del Regno d’Italia poi; per transitare   da Torino Capitale, a  Firenze capitale e infine a Roma capitale; e dunque dal Palazzo del Governo di piazza Castello a Torino, segue lo spostamento nel Palazzo della Signoria di […]

  

Il nuovo Museo Bodoni a Parma. Un gioiello di museo della stampa unico al mondo.

Il progetto della Nuova Pilotta, voluto e ideato dal Direttore Simone Verde, si arricchirà presto di un nuovo gioiello, il nuovo Museo Bodoniano, che andrà ad aggiungersi al restyling di alcune sezioni espositive della Galleria Nazionale e al nuovo allestimento del Museo Archeologico. Entrare nel nuovo Museo Bodoni sarà una esperienza doppiamente immersiva. Varcate le porte, sarà come entrare nella fucina bodoniana, nella sua tipografia, quasi avvertendo il profumo degli inchiostri e il frusciare delle carte. Ma si entrerà anche nel cuore della cultura di un’ epoca in cui Parma era tra le vere capitali europee. A rendere ancora più […]

  

I Teatri Storici del Polesine. A rivedere quando Beniamino Gigli, la Callas e Pavarotti si esibivano. La mostra a Palazzo Roncale a Rovigo.

La passione per l’opera, il teatro, la musica, il balletto erano (sono) di casa nel Polesine. Non solo nella città capoluogo, Rovigo, ma in tutto il territorio. Basti pensare che c’è traccia documentata di almeno una cinquantina di teatri, attivi anche in paesini di poche anime, persi nel Delta del Po. Un fenomeno che per capillarità di presenze, in un territorio marginale e complesso com’era quello del Polesine, è davvero unico. Una mostra dal titolo “I teatri storici del Polesine” a Palazzo Roncale a Rovigo, aperta fino al 4 luglio 2021, mette in scena  questi  teatri nati, quasi tutti, dalla […]

  

L’Ottocento e il mito di Correggio. La mostra ospitata alla Pilotta di Parma mette in correlazione il maestro rinascimentale con l’incisore Paolo Toschi.

“L’Ottocento e il mito di Correggio”,  ospitata alla Pilotta di Parma fino al 31 maggio 2021,    è innanzitutto un omaggio a due figure per molti versi fondamentali della storia parmense: Maria Luigia d’Asburgo, Duchessa di Parma, e l’incisore Paolo Toschi. Vuole anche essere una soluzione virtuosa di un problema allestitivo di lunghissima data con cui si sono confrontati tutti i direttori dell’ex Galleria Nazionale. La Rocchetta, teatro di questa “mostra permanente”, infatti è uno spazio importantissimo dal punto di vista storico ma di difficile musealizzazione. Vi si trovano le pale del Correggio in un allestimento ottocentesco storicizzato e quindi inamovibile. […]

  

Henraux e gli Uomini di Pietra. Il racconto della filiera di marmo (Alpi Apuane) che da secoli incarna il desiderio di perfezione.

Gli antichi romani lo hanno usato per omaggiare con la sua preziosità gesta di imperatori e condottieri. Michelangelo ha saputo plasmarlo come fosse materia viva per creare grandi capolavori e proprio  qui venne a cercarlo. Il marmo è la pietra che racchiude in sé delicatezza e forza, lusso, candore e maestosità. In esclusiva su DMAX canale 52 la serie che racconta l’affascinante mondo dei cavatori di marmo: “UOMINI DI PIETRA”, passato in prima tv assoluta già giovedì 19 novembre  2020  alle 21:25 e in anteprima sulla piattaforma Dplay Plus dal 12 novembre 2020. Protagoniste con i suoi uomini le cave […]

  

Recuperato l’Orologio del Quirinale. I Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale hanno rintracciato lo storico Orologio della Torre del Palazzo del Quirinale.

I Carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale (TPC), coordinati dal Procuratore della Repubblica di Vercelli, hanno recuperato il quadrante e tutti gli altri pezzi dell’orologio a pendolo realizzato a metà dell’Ottocento dall’artista Mariano Trevellini su commissione del Papato di Pio IX per il Palazzo del Quirinale, e collocato sulla torre del Palazzo dal 1854 al 1961. Successivamente l’orologio era stato ceduto all’Istituto statale “Armellini” di Roma per un istituendo Museo dell’Orologio, però mai sorto, e che poi era stato trafugato. Le perquisizioni dei Carabinieri si sono svolte a Milano, Bologna e nella provincia di Firenze. Tre persone […]

  

Il Panettone Baj di Como è il miglior panettone d’Italia, amato da F.T. Marinetti e frutto di una tradizione centenaria. Vincitore quest’anno del Premio delle Arti – Premio della Cultura Edizione XXXII 2020 come “Arte del Gusto International”.

Da sempre la Lombardia è stata la culla del panettone,  il dolce di Natale. E tra i panettoni, quello più carico di storia  è stato proprio il panettone Baj, tant’è che  vive come una delle riscoperte gastronomiche più importanti degli ultimi anni, grazie al recupero della ricetta di duecentocinquanta anni fa di quello che fu un panettone storico,  marchio simbolo della tradizione milanese. E’ il panettone Baj  che  ha segnato sia  la storia della tradizione dolciaria della Lombardia, che di Milano, esattamente in quel fervido periodo tra Ottocento e Novecento, prima di scomparire per decenni. Infatti   il Panettone Baj è […]

  

Quodlibet pubblica Alois Riegl. Grammatica storica delle arti figurative. Il volume tratta di uno dei massimi esponenti della cosiddetta scuola viennese di storia dell’arte.

La casa editrice Quodlibet pubblica  “Alois Riegl. Grammatica storica delle arti figurative”. Il volume è   di uno dei massimi esponenti della cosiddetta scuola viennese di storia dell’arte. Un testo fondamentale, pregno di idee, di storia, di accensioni, di parallellismi, di poetica.  In una civiltà come la nostra attuale in cui, come scrive Sergio Bettini, “l’esistere prevale sull’essere (l’attività pratica sulla contemplazione eidetica, la politica sulla filosofia ecc.), anche nella struttura dei linguaggi artistici il tempo prevale sullo spazio, l’espressionismo prevale sull’impressionismo, le arti industriali o applicate, e l’architettura,  prevalgono sulla scultura delle statue e sulla pittura dei quadri (la […]

  

Chiude il Gran Caffè Gambrinus a Napoli, uno dei luogi sacri della cultura italiana. La pandemia e la crisi economica si portano via una parte di storia italiana.

Luogo di incontri  di artisti e intellettuali di chiara fama, architettura  illustre e caratterizzante  della Belle Époque, lo storico Caffè Gambrinus di Napoli chiude i battenti a causa delle restrizioni da Covid-19. È stato uno dei luoghi sacri della cultura a Napoli tra Ottocento e Novecento, con la sua architettura manifesto della Belle Époque, arredato in stile Liberty,conserva al suo interno stucchi, statue e quadri della fine dell’Ottocento  realizzati da artisti napoletani( Vincenzo Volpe, Giuseppe Casciaro, Vincenzo Migliaro, Vincenzo Irolli, Vincenzo Caprile, Attilio Pratella, Luca Postiglione, Edoardo Matania, Luigi Fabrfon, ecc. ) ; ai suoi tavolini sedevano personaggi illustri e […]

  

Vienna 1900. Grafica e design .Al via il terzo capitolo dedicato alle arti viennesi tra il XIX e il XX secolo in mostra a Palazzo Attems Petzenstein a Gorizia.

Mi son detto ecco la Grande Vienna,  splende ancora a distanza di un secolo, alla luce del barbaro attentato di ieri -2 novembre 2020- nella capitale austriaca. Nuovo appuntamento con le grandi mostre di Erpac FVG – l’Ente regionale per il patrimonio culturale del Friuli Venezia Giulia. Un’esposizione che può essere considerata il terzo capitolo di un percorso dedicato alle arti viennesi a cavallo tra il XIX e il XX secolo (visitabile fino al 17 gennaio 2021), cominciato nel 2005 con Belle Époque Imperiale. L’arte e il design e proseguito nel 2008 con Josef Maria Auchentaller. Un secessionista ai confini […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>