Arnaldo Pomodoro eccellenza della scultura italiana contemporanea, tra superficie e volto, in una mostra al Castello Campori di Soliera-Modena.

Il Castello Campori, simbolo storico-architettonico della Città di Soliera (Mo), conferma la propria vocazione al contemporaneo con “Arnaldo Pomodoro. {sur}face” che è la  mostra personale di uno dei più grandi scultori viventi, le cui opere sono presenti in spazi aperti e collezioni pubbliche di tutto il mondo. Curata da Lorenzo Respi, membro del Comitato Scientifico della Fondazione Arnaldo Pomodoro, l’esposizione racconta fino al 10 gennaio 2021, la personalità di un artista visionario che ha segnato profondamente la seconda metà del Novecento italiano. In occasione della mostra, nella piazza antistante il Castello, sarà installato l’Obelisco per Cleopatra, opera monumentale che per […]

  

Mario Mafai. Opere dalla Raccolta Alberto Della Ragione in mostra al Museo Novecento di Firenze.

“L’arte è un fatto etico prima che estetico” scriveva Mario Mafai, protagonista dell’arte italiana dopo gli anni Trenta, pittore molto amato da Alberto Della Ragione, collezionista e mecenate tra i maggiori del ventesimo secolo. Per la prima volta il nuovo appuntamento del ciclo espositivo SOLO, dedicato ai grandi artisti del ventesimo e ventunesimo secolo, è frutto di una collaborazione tra il Museo Novecento e il Dipartimento SAGAS dell’Università degli Studi di Firenze. Due studentesse del corso magistrale di Storia dell’arte contemporanea, Stefania Delia Previti e Rebecca Ricci, hanno lavorato con lo staff del museo e hanno curato, insieme al direttore del Museo Novecento […]

  

Senza Titolo. Le metafore della didascalia. Un libro fondamentale di Nomos Edizioni che fa il punto sulla didascalia e sul suo utilizzo nella storia dell’arte e nella museologia.

Nell’immaginario comune le didascalie sono strumenti scientifici per eccellenza, precisi e definitivi. In verità si tratta di atti interpretativi, situati nel tempo e nello spazio, imperfetti e provvisori. La museologia recente ci parla infatti di didascalie critiche, “polivocali”, sempre più attente all’accessibilità e alla presa in conto di punti di vista e sensibilità diverse. Chi dovrebbe scriverle? Che cosa includere, che cosa omettere? E soprattutto, come definirne la “correttezza” e valutarne l’efficacia? Un libro prezioso dal titolo “Senza Titolo” ovvero Le metafore della didascalia( a cura di Maria Chiara Ciaccher, Anna Chiara Cimoli, Nicole Moolhuijsen), edizioni Nomos, 2020, pp. 104. […]

  

Ara Güler. Istanbul vista attraverso le foto in bianco e nero del fotografo turco esposte al Museo di Roma in Trastevere.

Lucido osservatore della storia e della  società turca, Ara Güler(1928-2018) ha lasciato in eredità un archivio di oltre due milioni di foto, di cui una selezione di circa 80 immagini è in mostra, una grande retrospettiva dedicata in particolare alla città di Istanbul, una sezione è riservata ai ritratti di personaggi famosi tra i quali, Federico Fellini, Pablo Picasso, Salvator Dalì, Sophia Loren. Ara Güler era un fotoreporter armeno-turco, soprannominato “l’occhio di Istanbul” o “il fotografo di Istanbul”. Era “uno dei pochi fotografi turchi conosciuti a livello internazionale”. Nominato uno dei sette fotografi migliori al mondo dal British Journal of […]

  

Alberto Giacometti (1901-1966). Grafica al confine fra arte e pensiero al m.a.x. museo di Chiasso.

Alberto Giacometti è conosciuto soprattutto come scultore e pittore. Disegnava anche molto, era un modo privilegiato per cercare di conoscere la realtà, tramite lo studio delle opere d’arte di ogni epoca. Durante la sua vita, egli ha ugualmente realizzato un gran numero di incisioni e litografie. La produzione grafica di Giacometti è espressione di una profonda ricerca, rimasta meno visibile fino a oggi. Per questa ragione, il m.a.x. museo di Chiasso  ha ritenuto di valorizzarla. È esposta così, per la prima volta, una visione globale della sua opera grafica, con oltre quattrocento fogli, dalla xilografia all’incisione a bulino, dall’acquaforte alla litografia; non è infrequente […]

  

Il sito di Project Gutemberg, la più grande biblioteca di internet, bloccata dalla Procura della Repubblica di Roma. Un attacco alla libertà di stampa internazionale.

Il sito di Project Gutemberg,  uno degli archivi online più completi di ebook senza diritto d’autore, anzi la più grande biblioteca di internet,  è stato oscurato dalla Guardia di Finanza, in seguito alle indagini condotte dalla Procura di Roma sui canali Telegram che diffondono copie piratate di giornali e riviste. 28 i siti web inscritti nella lista nera stilata dal giudice per le indagini preliminari di Roma e finiti sotto sequestro perché, appunto, rendevano disponibile gratuitamente materiale editoriale posto sotto licenza. Ma in tutto questo, Project Gutenberg non c’entra assolutamente nulla, visto che i documenti caricati sul suo sito e […]

  

James Tissot un cronista della Belle Epoque in mostra al Museo d’Orsay di Parigi.

Nato a Nantes, formatosi all’Ecole des Beaux-Arts di Parigi e attivo da entrambi i lati della Manica, Jacques Joseph Tissot, detto James,  è un artista fondamentale della seconda metà dell’Ottocento, ambiguo e al contempo affascinante. Pur essendo regolarmente rappresentato nelle mostre dedicate al suddetto periodo storico, questa retrospettiva è la prima consacratagli a Parigi dopo quella organizzata al Petit Palais nel 1985. Alla fine degli anni ’50 dell’Ottocento, Tissot muove i primi passi nella capitale francese, dove la sua pittura è alimentata dalla passione per l’arte giapponese e dalla frequentazione degli ambienti artistici più influenti. Nel crogiolo parigino, in un’epoca in […]

  

Tullio Pericoli e le Forme del Paesaggio italiano. Opere dal 1970 al 2018 nel prestigioso Palazzo dei Capitani di Ascoli Piceno.

Dopo il terremoto che l’ha drammaticamente colpita nel 2016, la città di Ascoli Piceno sceglie di celebrare se stessa attraverso l’opera dell’artista che, fra tutti, più ha reso omaggio alla sua terra. Così, oltre mezzo secolo dopo la sua prima personale,  torna nella prestigiosa sede di Palazzo dei Capitani che si fa luogo di un evento espositivo unico, aperto fino a maggio 2020.  Di questo artista colto e raffinato a cui tengo molto per la sua vivace attenzione al paesaggio italiano, attraverso una selezione di 165 opere, esposte nelle caratteristiche ambientali del prestigioso palazzo rinascimentale, ecco   svelate le mutazioni che l’immagine […]

  

Il ricordo di Bruno Di Bello, a un anno dalla scomparsa, in una mostra alla Fondazione Marconi di Milano. Artista di punta dell’arte digitale.

Ha avuto  un titolo affettuoso “Caro Bruno” la mostra e il ricordo che la Fondazione Marconi di Milano ha dedicato  a uno degli artisti della sua scuderia, Bruno Di Bello,  a un anno dalla scomparsa. La presentazione di una selezione di opere, dalle prime “scritture” del periodo napoletano, forse meno note al pubblico, ai più recenti lavori eseguiti con l’ausilio del computer sarà un momento di incontro per tutti coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato, nonché l’occasione per annunciare la nascita dell’Archivio Bruno Di Bello a cura degli eredi che, per tutta la settimana dalle 18 alle 19, saranno […]

  

Giovanni Battista Crema, artista tra Divisionismo, Simbolo e Realtà. Una preziosa retrospettiva di un grande alla galleria Berardi di Roma.

Originale interprete del divisionismo italiano, Giovanni Battista Crema è stato uno dei più prolifici pittori della scena romana dei primi decenni del Novecento. Nato a Ferrara da famiglia facoltosa, nel “Palazzo Crema” di via Cairoli dalla suggestiva loggia quattrocentesca, Crema dimostrò già in tenera età sorprendenti doti di disegnatore, tali da spingere il padre – l’avvocato Carlo Crema, che desiderava per il figlio una carriera giuridica – a mandarlo nella bottega del ferrarese Angelo Longanesi-Cattani nel 1897. Appresi i rudimenti della pittura, il giovane decise di trasferirsi a Napoli per seguire gli insegnamenti di Domenico Morelli, allora all’apice della celebrità. […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>