Giovanni Dal Ponte (1385-1437), protagonista dell’Umanesimo tardogotico fiorentino. Una mostra alla Galleria dell’Accademia di Firenze del pittore che amò anche i cassoni dipinti.

Fig. 1a?????????Fig. 8Incoronazione della Vergine fra quattro santiAnnunciazione fra i Santi Eustachio e Antonio Abate,Madonna con Bambinoimage002Madonna and Child with Saint John the Baptist and Saint CatherineL'Antiquaire & The Connoisseur, Inc.

La mostra su Giovanni dal Ponte costituisce il primo vero momento di vivace confronto tra due realtà, ovvero  quella consolidatasi nella decennale esperienza di esposizioni temporanee fiorentine e quella che scaturisce dalle progettualità  della recente riforma ministeriale di cui, per l’appunto, quella della Galleria dell’Accademia di Firenze rappresenta uno dei primi esempi. Come è ormai consolidata tradizione di questo museo, la mostra muove dalla sempre viva esigenza di valorizzare le collezioni della Galleria, in questo caso la bellissima Incoronazione della Vergine di Giovanni dal Ponte che per l’occasione è stata restaurata. Su questa consuetudine, Cecilie Hollberg direttore della Galleria dell’Accademia […]

  

“La Madonna dell’Umiltà” di Giovanni dal Ponte prestata dal Museo Horne per la mostra dell’artista che si aprirà a breve a Firenze.

image006

Nell’approssimarsi dell’apertura al pubblico (il prossimo 22 novembre 2016), presso la Galleria dell’Accademia di Firenze della prima mostra dedicata a Giovanni dal Ponte (1385-1437). Protagonista dell’Umanesimo tardogotico,  ci preme segnalare il contributo al progetto del Museo Horne, che presta il dipinto raffigurante la “Madonna dell’Umiltà incoronata da due angeli”, un’opera interessante degli esordi del pittore. Dalla sua la Galleria dell’Accademia di Firenze ha finanziato il restauro del suddetto dipinto che grazie a questa occasione acquisisce una rinnovata godibilità.   Due istituzioni museali fiorentine la Galleria dell’Accademia e il Museo Horne, diretti rispettivamente da Cecilie Hollberg ed Elisabetta Nardinocchi, che insieme […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020