Domenico Fatigati ricostruisce lo spazio tra colori, luce e movimento. E’ l’apoteosi delle “primary structures”. Opere in mostra a Milano da Artestudio 26.

Affascinato dal percorso artistico di Domenico Fatigati, che non disconoscendo  Mondrian e il “neoplasticismo in pittura”, si è volto   poi  a un’astrazione  decisamente legata a leggi matematiche e  segmenti che  creano campiture architettoniche, planimetrie, inseguendo incastri, sequenze, ritmi,  attrazioni, energie, percorsi e dinamismi. Senza dimenticare  progettazione, percezione, teoria del colore, entro quella geometria impersonale  che nasconde sintesi e particolare finezza. Ora sue opere sono esposte nella rassegna  “L’epochè della bellezza” e dunque visibili ad Artestudio 26 a Milano tra ottobre e novembre 2020. Artista e lucido architetto di forme, in quanto interessato dalla spazialità dell’architettura, da cromo-strutture che si dislocano […]

  

L’artista Bruno Mangiaterra fra poesia e filosofia. Espone a Milano grandi opere concettuali che raccontano il mondo e la vita.

La mostra dal titolo “Nel sofisma della visione” allestita dall’artista Bruno Mangiaterra (Loreto-Ancona 1952) con sue opere per lo più grandi hanno trasformato l’Artestudio 26 di Milano, offrendone una visione di ricerca assoluta, o meglio dando compiutamente l’idea di un sistema dell’arte che abbraccia il mondo intero. Qualche tempo fa scrivendo dell’artista marchigiano porgevo il lavoro dell’artista in quell’area di postclassicismo che assorbe, specie in Italia oggi, dinamiche concettuali. Non dimentichiamo che nella filosofia di Platone la “mimesi”designa il rapporto tra le cose sensibili e le idee. Le opere più recenti, e quelle in mostra a Milano per Expo 2015, […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>