24_L'Occhio_Cinematico_A_arte_Invernizzi_201603_L_Occhio_Cinematico_A_arte_Invernizzi_201611_L'Occhio_Cinematico_A_arte_Invernizzi_201605_L_Occhio_Cinematico_A_arte_Invernizzi_201626_L'Occhio_Cinematico_A_arte_Invernizzi_201623_L'Occhio_Cinematico_A_arte_Invernizzi_201602_L'Occhio_Cinematico_A_arte_Invernizzi_201633_L'Occhio_Cinematico_A_arte_Invernizzi_201601_L_Occhio_Cinematico_A_arte_Invernizzi_201627_L'Occhio_Cinematico_A_arte_Invernizzi_201612_L'Occhio_Cinematico_A_arte_Invernizzi_201632_L'Occhio_Cinematico_A_arte_Invernizzi_201617_L'Occhio_Cinematico_A_arte_Invernizzi_201606_L'Occhio_Cinematico_A_arte_Invernizzi_2016

La galleria A arte Invernizzi fa vivere con raffinatezza di approccio il linguaggio di più arti, in questo caso arti visive e cinema, nella mostra “L’Occhio Cinematico” a cura del regista cinematografico e filmmaker Francesco Castellani. Da sempre e da più artisti si è cercato di far dialogare le arti tra Otto e Novecento, in particolar modo le avanguardie. Poesia, musica, pittura hanno spesso trovato idealità e poetiche di racconto comuni. L’approccio cui si assiste adesso nella mostra milanese in uno spazio che da tempo è divenuto “tempio” dell’arte analitica, dell’astrattismo e della geometria, dell’arte cinetica e dell’arte optical fa […]