Maurizio Cattelan impiccato a Milano. La scultura choc dell’artista in mostra alla galleria Massimo De Carlo.

Ci risiamo, Maurizio Cattelan insiste con le  sue routinarie performance. E ciò mi lascia con la bocca amara.  Maurizio Cattelan è tornato ad usare il cappio, quello usato per l’impiccagione. Questa volta, però, invece dei bambini appesi ai rami della quercia di piazza XIV maggio, -performance che sconvolse allora Milano e l’Italia intera-, ha impiccato sè stesso. Ai visitatori dell’Art Week milanese che si è inaugurata lunedì 28 marzo 2022, ha preparato una delle sue sorprese: la propria statua di cera penzolante, con un bel cappio che gli stringeva il collo, nell’elegante bagno di marmo verde di Casa Corbellini-Wassermann, progettata da […]

  

L’afroamericano McArthur Binion erede dell’astrattismo modernista ripensa il minimalismo e la sua storia personale tra arti visive e letteratura. La mostra al Museo Novecento di Firenze.

                                                                                                                                                                                                                 Al  Museo Novecento di Firenze,  aperta al pubblico “Modern Ancient Brown”,  la prima personale in un’istituzione europea del noto artista afroamericano McArthur Binion, a cura di Lorenzo Bruni, organizzata in collaborazione con la galleria Massimo De Carlo, Milano/Londra/Hong Kong, e visitabile fino all’11 febbraio 2021. “Ho sviluppato l’idea di Modern Ancient Brown 40 anni fa – ha spiegato l’artista parlando della scelta del titolo della mostra al Museo Novecento – volevo che il mio lavoro: 1) fosse contemporaneo 2) avesse una storicità 3) onorasse i Black and Brown painters che sono venuti prima di me. È anche una sorta […]

  

Il mondo immaginario di Baruchello in mostra a Londra alla Galleria Massimo De Carlo. Uno spettacolo unico per due anni di intenso lavoro del grande e vecchio artista italiano.

                           Lo stupore non finisce mai. Ci vorrebbero ore, giornate intere per guardare, capire, ma soprattutto lasciarsi andare ai mille segni grafici, alle parole, gli abbozzi di segni, i rimandi ad altro, i paesaggi anatomici, le allusioni che indicano qualcosa e poi virano in un’altra direzione, le onde, i passaggi che Gianfranco Baruchello lascia sulle tele di alluminio e che mette al riparo nelle sue scatole. L’inaugurazione che c’è stata poco tempo fa  -e la mostra è ancora in corso- presso la sede londinese della Galleria Massimo De Carlo a South Audley Street è stata una festa per il grande […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2022
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>