Per una lettera a Giorgio Caproni, caro amico e poeta.

Ho sentito il bisogno di rendere testimonianza a un amico che non c‘è più, il poeta Giorgio Caproni(Livorno 1912- Roma 1990), uno degli intellettuali più sinceri del Novecento Italiano  visto che proprio oggi alla Maturità 2017 è uscita una traccia–analisi di testo sulla sua poesia.  E mi sorprende maggiormente il clamore negativo sollevato, perché mi sento  coinvolto in prima persona, giacchè essendo in questi giorni Presidente della Commissione MIIT15004 in ben due Istituti Superiori di Milano  per la  Maturità 2017, e avendo saputo dai media nazionali che intervistati i maturandi,  pochi, quasi nessuno, conosceva il poeta Giorgio Caproni, uno dei […]

  

“Valigia diplomatica”. Un libro di memorie di Antonio Morabito, ambasciatore d’Italia.

E’ appena uscito il libro “Valigia diplomatica”(prefazione di Stefano Folli), mi è giunto sul tavolo   di lavoro per una recensione, che mi sono apprestato a fare con coinvolgente interesse per la letteratura. Libro insolito, libro di memorie, libro autobiografico, libro storico. E’ stato scritto da Antonio Morabito, ambasciatore d’Italia in forza al nostro Ministero degli Esteri. Libro non certo banale solo perché si avventura ad essere una sorta di diario di vita e di lavoro, ma percorre gli anni, toccandone l’intera vita, di un giovane che partito da un piccolo paese del Sud Italia si è formato in collegio romano […]

  

Ministro dell’Istruzione, licenzi i presidi incapaci. Buona parte sono rovina e dannazione dell’istruzione in Italia.

La misura è colma. Il caso della scuola elementare di Rozzano che ha portato alla ribalta il preside reggente Marco Parma per aver vietato il “Concerto di Natale” e rimosso i crocefissi dalle aule è segno e segnale di non sufficiente capacità direzionale; la festa di Natale trasformata in “Festa dell’Inverno” (posticipata a fine gennaio) e la classica melodia “tu scendi dalle stelle” sostituita da filastrocche di Gianni Rodari. Questo preside sa cos’è la cultura? Altro che imporre la laicità nelle scuole, a suo dire. Questo signor Parma apprendiamo essersi dimesso da reggente dell’istituto statale Garofani, ma conta poco, deve […]

  

La “Buona/Cattiva Scuola” di Renzi è un insulto alla nazione. Mai in un secolo la scuola italiana, così come sbandierata e voluta dalla riforma renziana, era caduta così in basso.

                                           Le Riforme del Governo Renzi hanno tutte un qualcosa di strano e poggiano tutte su una titolazione della Riforma che deve o dovrebbe fare breccia sui cittadini. Pensate al titolo del sito del Ministero Beni Culturali per l’Expo: “VeryBello”, nome che fa pensare a un profilattico. Così è anche per la Riforma della Scuola chiamata “La Buona Scuola” come fosse una merenda “Buondì”. Ma la scuola è dello Stato, ed è lo Stato con le componenti delle istituzioni scolastiche e universitarie, che deve decidere che tipo di scuola e che scuola di eccellenza deve offrire ai cittadini. Così è […]

  

Il sito “VeryBello” voluto dal Ministro Franceschini per l’Expo 2015, già inservibile, costa 5 milioni di euro.

    Al Ministero dei Beni Culturali a Roma i dirigenti se la ridono. Franceschini ha fatto piombare il Ministero da lui diretto nel ridicolo, perchè già il nome del sito per l’Expo è ridicolo. “VeryBello” è per caso la marca di un profilattico? No, dovrebbe essere un sito culturale e di servizio ai milioni (?) di turisti che visiteranno l’Italia durante Expo. Non siamo riusciti a sapere il nome e il cognome del copy che ha scelto un nome simile. E del funzionario che ha detto “okkay”. Il sito è stato presentato dal ministro Franceschini assieme al ministro Martina e […]

  

L’italiano regionale dell’ex prefetto di Perugia Antonio Reppucci.

Quante Italie ci sono in Italia! Da cosa lo si deduce? Bene, la tv nazionale ci propina tante di quelle uscite di soloni e burocrati che a sentirli parlare viene il voltastomaco. Allora, tanto per intenderci, in Italia sono pochissimi quelli che sanno parlare in lingua italiana, dico pochissimi, perchè tanti, invece, parlano l’italiano regionale, carico di inflessioni regionali, che lasciano, così, subito intendere la regione di provenienza. Totò insegna. Pensate a quanti studenti dei nostri licei si devono sorbire docenti che parlano con queste ridicole inflessioni. Certo, questo non è italiano. Specie oggi che si chiede agli immigrati, quando […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>