A Morterone nel più piccolo paese d’Italia, con Natura, Arte e Poesia si inaugura la Casa dell’Arte. Il miracolo della Cultura.

Nel paese più piccolo d’Italia in provincia di Lecco  vi è La Casa dell’Arte. Io vi andai tanti anni fa con Pino Pinelli  in questo paradiso d’Italia invitato dall’amico poeta Carlo Invernizzi. Qui oggi ci sono opere di Rodolfo Aricò, Gianni Asdrubali, Francesco Candeloro, Nicola Carrino, Enrico Castellani, Alan Charlton, Carlo Ciussi, Gianni Colombo, Dadamaino, Riccardo De Marchi, Lesley Foxcroft, Bernard Frize, Riccardo Guarneri, Igino Legnaghi, François Morellet, Mario Nigro, Pino Pinelli, Bruno Querci, Ulrich Rückriem, Angelo Savelli, Antonio Scaccabarozzi, Nelio Sonego, Mauro Staccioli, Niele Toroni, David Tremlett, Günter Umberg, Grazia Varisco, Elisabeth Vary, Michel Verjux, Rudi Wach.   L’Associazione […]

  

L’occhio filosofico. Una quadreria di nomi dell’arte più all’avanguardia in mostra allo Studio A Arte Invernizzi di Milano.

Vede e analizza meglio l’arte l’occhio dello Storico dell’Arte contemporanea, o l’occhio del poeta, o l’occhio  del critico d’arte,  o l’occhio del filosofo? Per la grande lezione che mi porto dietro da decenni e dalla illustre Scuola di Giulio Carlo Argan da cui provengo, rispondo che è meglio l’occhio  dello Storico dell’Arte e soprattutto quello di grande esperienza. Spesse volte nei testi dei filosofi puri ho trovato un giro di parole che non dicono nulla, e dunque testi che non aprono e segnano percorsi  d’arte. Dicono, ma non so cosa, come quel filosofo che ci parlò a suo tempo  di […]

  

Le geometrie di Bruno Querci ricreano lo spazio in bianco-nero. Alla Galleria A arte Invernizzi di Milano, gli ultimi lavori dell’artista italiano.

Sulle pareti della galleria A arte Invernizzi di Milano, che impagina sempre esposizioni di altissima  ricerca e proposizione di figure di spicco dell’arte internazionale, vive la  mostra personale di Bruno Querci, che lascia leggere  un percorso espositivo che, attraverso la compresenza di lavori degli anni Ottanta e opere recenti, mette in luce gli snodi cruciali del percorso creativo dell’artista, quello che intendo chiamare il suo  “spazialismo bicromatico”. Sin dagli albori del suo “fare pittura” Querci, protagonista di quella tendenza artistica che il collega Storico dell’Arte Filiberto Menna definì a metà anni Ottanta come astrazione povera, restituisce sulla superficie delle tele […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>