Basta con l’Italianglish. E’ tempo di autarchia linguistica. Riappropriamoci della lingua di Dante, ovvero dell’Italiano.

L’inglese a scuola, l’inglese nella musica, l’inglese nelle lezioni universitarie (vedi il Politecnico di Milano), l’inglese nel lavoro, l’inglese nelle relazioni e nella comunicazione, l’inglese negli uffici stampa, l’inglese nei giornali, l’inglese…. Basta con quest’inglese. Ma la lingua italiana si parla ancora in Italia? E gli italiani conoscono ancora la lingua italiana? Poi questo governo Conte  a trazione PD -Cinquestelle, Leu e oltre,  ha dato il via, a tambur battente,  a termini inglesi in occasione della Pandemia da Covid 19.   E’ così che oggi  si usano  termini inglesi per indicare  azioni e il da farsi, ecco “lockdown” anziché “confinamento”, “Recovery […]

  

La sinistra strombazza un fascismo di ritorno e non conosce la lezione dell’intellettuale Pier Paolo Pasolini.

Il rabbioso antifascismo esploso a Macerata, presentato con striscioni, ma manifestato anche  verbalmente  e materialmente, e la  vergognosa caccia-assalto  ai Carabinieri a cui abbiamo assistito  con il pestaggio di  uno a quattrocento, nelle immagini trasmesse in tutta Italia,  la dice lunga su questo Stato che  Renzi, Delrio, Gentiloni, la Boldrini, Cecile Kyenge,  il Fiano della  risibile legge contro il Fascismo  e compagni  di “o bella ciao” vanno presentando  come assalito dal “nuovo fascismo”. La sinistra -oggi è piuttosto un fantasma-  si reinventa il fascismo, non avendo più  materia  per il suo programma,  diversamente non avrebbe più propositi oggettivi  per intervenire […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2021
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>