Ricordo di Giovanni Cosi. Un libro di studi celebra lo studioso salentino.

GIOVANNI_COSI_9916312cccca5f0afd4ae8acb14eeccfcositottimarittimeuntitlednotaiopandetta

Un libro di studi dal titolo “Ne quid nimis” che sta per “ Niente di eccessivo”  celebra e fa luce sulla vita dello studioso  salentino Giovanni Cosi; l’ho avuto tra le mani per merito del prof. Francesco Fersini di Gagliano del Capo, la stessa località dove è vissuto il Cosi. Il volume che si compone di ben 309 pagine, uscito per i Quaderni de L’Idomeneo – collana diretta dal prof. Mario Spedicato  della Società di Storia Patria-Sezione di Lecce-, contiene una nutrita serie di studi di illustri studiosi salentini, giovani e meno giovani ricercatori, che hanno inteso  rendere omaggio a […]

  

Marisa Settembrini e il giardino innevato. Venti grandi teleri dell’artista italiana in mostra al Plus Berlin di Berlino.

IMG_0206IMG_0310IMG_0106IMG_0065IMG_0080

Nella sala Hoffmann del Plus Berlin di Berlino in Warschauer Platz   è aperta al pubblico l’ultima mostra dell’artista italiana Marisa Settembrini, illustre docente al  Brera di Milano, che presenta venti grandi teleri che  lasciano leggere il suo giardino, nel Salento, completamente innevato.  E’ il “Giardino italiano”,  il suo giardino salentino, quello che lascia vedere Marisa Settembrini in un capitolo nuovo, denso, magico e dove si sentono potenti  gli echi  di Monet e delle apocalissi luminose di William Turner.  Ella dialoga con temi  e autori del passato a rappresentare una delle sue più intense riflessioni sul tempo e sulla memoria , […]

  

TerreMare. Nel basso Salento, un ristorante del Capo di Leuca è luogo sia di arte contemporanea che di cultura del gusto.

IMG-20170726-WA0003IVAN 6IVAN 3MARISA SETTEMBRINI-ADD-T.M. SU TELAMARISA SETTEMBRINI-CONSERVAZIONE-T.M. SU TELAIVAN 1IVAN 4

“Terremare” è un locale gettonato fra i più  sensibili all’arte contemporanea  e alla cultura del gusto in Europa. Chi è in viaggio nel Salento, chi qui in vacanza, chi vi dimora anche solo qualche mese come Carlo Becks che vive nel palazzo cinquecentesco  di Alessano o  stabilmente come i baroni Winspear nel castello baronale di Depressa-Tricase, o l’attrice Helen Mirren nella sua masseria di Tiggiano, potranno dirvi di queste stazioni del ristoro che vivono grazie a  distinti e preziosi signori italiani che vi hanno impiantato professionalità, italianità, arte  e soprattutto cultura del gusto mediterraneo. “Terremare” lo trovate all’uscita di Gagliano […]

  

L’Arte insulta il Capo di Leuca. Sbarcata a Gagliano del Capo l’installazione di Shilpa Gupta, scambiata per una marca di pubblicità.

shilpa-gupta-gaglianoPalazzo_Ciardo_c1985920b9ad132cd76ec24585bc2f9dPROCESSIONE_SAN_ROCCO_b0f9db2064f352b8340bdc23871d99f3_77e59a2f02cbbb509dda1ff71bc3d351street-art-trenotreno797px-Chiesa_di_san_Rocco_Confessore_Gagliano_del_Capo_51bf3a791cc78408e7d1ad4c5445b652_a8cc88c95393c078e4385b8f882f4035street-art-treno-gagliano

Basta essere curatori di mostre per mettere in piedi un’esposizione o una installazione? Certamente no! Ogni manifestazione o installazione di opera d’arte va rapportata al luogo, al paesaggio, al territorio, alle architetture che la accolgono. C’è chi pensa, vista l’ascesa politica e la chiamata al Pac da parte di un assessore della giunta Pisapia, di andare al Sud, anzi nel Sud-Est, ovvero nel Salento perché adesso va di moda, senza aver letto prima “Contadini del Sud” di Rocco Scotellaro. Aggiungo, senza conoscere il territorio, né usi, costumi, tradizioni, senza sapere che il Sud Est d’Italia è quello cantato e decantato […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019