Gli Assiri all’ombra del Vesuvio. Esaltante e suggestiva mostra al MANN di Napoli.

assiri-640x42090-Statue-Romane-nascoste-nei-depositi-finalmente-esposte-al-MANNAssiri-Bassorilievo-6qsifzc2i9mhu6jx295ml1ctmo8ywccp8xqh3dv4hpwGli-Assiri-allombra-del-Vesuvioassiri-4-701x42892465-Assiri_1

                                                                                                                                                      Un suggestivo percorso ad anello, che diviene un viaggio nella storia alla scoperta di una grande civiltà antica: se è quanto mai attuale il dibattito sulla tutela dei beni culturali in aree di crisi, la mostra “Gli Assiri all’ombra del Vesuvio” visitabile  al MANN (Museo Archeologico  Nazionale di Napoli) fino  al prossimo 16 settembre  2019, punta simbolicamente i riflettori sulla regione dell’Assiria, che rappresentava la fascia territoriale dell’alto Tigri in corrispondenza della parte settentrionale dell’odierno Iraq.  Su quel lembo di terra, dall’Ottocento in poi, si concentrarono le ricerche di intellettuali ed antiquari, che gettarono le basi per la costituzione […]

  

La Croce di Lampedusa donata al British Museum di Londra.

fotohome487805831_img_5755-398x264Neil-MacGregor-2581396119773-francesco-tuccio-il-falegname-che-ha-costruito-il-crocifisso-del-papafrancesco-tuccio-galleria-melesi

Una semplice croce creata da un falegname italiano è l’ultima acquisizione del British Museum di Londra, che ha una particolare importanza perchè è il lascito finale di Neil McGregor, il direttore del celebre museo che ha appena lasciato l’incarico dopo 13 anni. La “Croce di Lampedusa” è stata donata da Francesco Tuccio, un falegname che vive sull’isola e che l’ha realizzata utilizzando i rottami di una nave di legno che trasportava immigrati dall’Africa e che era affondata nelle acque del Mediterraneo nel 2013. Dei 500 rifugiati da Eritrea e Somalia che erano a bordo solo 151 riuscirono a sopravvivere. “Questo […]

  

Il regalo di Jim Dine al British Museum. Il celebre esponente della Pop Art americana ha regalato a Londra 234 opere.

2(32)untitledimages.jpg1images.jpg2untitled.png6imagesI0WCUR1RimagesimagesZJXLTV09imagesHGD62KF5

Jim Dine (Cincinnati 1935), celebre esponente della pop art americana e, secondo alcuni, del movimento neodadaista, ha regalato oltre 200 dei suoi dipinti al dipartimento stampe e disegni del British Museum. La collezione, che costituisce la donazione più importante del 2014-2015, comprende molti dei dipinti che hanno reso famoso l’artista dell’Ohio: chiavi inglesi, seghe, accappatoi, pennelli i soggetti preferiti da Dine, che lui ritrae come metafore di se stesso utilizzando vari mezzi espressivi, dalle xilografie, alle acqueforti fino alle litografie. Divenuto famoso grazie ai suoi happening, Dine prese parte alla mitica esposizione “New Painting of Common Objects” al Pasadena Art […]

  

La città etrusca di Cerveteri in mostra al Palazzo delle Esposizioni di Roma. 400 capolavori di una civiltà assorbita dall’antica Roma.

Al Palazzo delle Esposizioni di Roma, organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo in collaborazione con il Musée du Louvre-Lens, è in corso la mostra “Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri” ; essa rappresenta una occasione irripetibile per raccontare in modo nuovo la storia di una straordinaria civiltà del mondo antico, quella etrusca. Per la prima volta in una mostra viene presentata, non in maniera generale, il focus e   l’attenzione su una singola città – Cerveteri – che spiccava per grandezza e importanza nel contesto delle relazioni tra i popoli del Mediterraneo antico. Questa città, infatti, che gli Etruschi chiamavano […]

  

“Shunga. Sesso e piacere nell’arte giapponese”. Al British Museum di Londra, visitabile fino al 5 gennaio, una collezione di opere che datano dal 1600 al 1900 e celebrano l’arte erotica giapponese.

Shunga è l’immagine della primavera vestita di sesso. Shunga, l’arte erotica giapponese, è fiorito tra il 1600 e il 1900. E’ un termine giapponese che letteralmente significa “immagini della primavera”, dove la primavera è un eufemismo per indicare il sesso, e sono dipinti erotici, stampe e libri che sono stati utilizzati per stimolare le persone e per l’educazione dei giovani amanti. Shunga è una celebrazione del piacere che nulla ha a che vedere con ciò che la nostra cultura ha impresso nel nostro immaginario erotico; dipinti dove l’evidenza dell’atto demistifica la malizia che le sovrastrutture occidentali ci suggeriscono. La naturalezza […]

  

Il British Museum di Londra firma una guida all’arte gay

              Il collega Storico dell’Arte Richard Parkinsons ,curatore della sezione egizia al British Museum di Londra, ha pensato di firmare e pubblicare una guida–vera eccellenza nel campo degli storici dell’arte-  all’arte gay, dal titolo  “A Little Gay History”, o meglio una guida alle opere d’arte ispirate all’omosessualità esposte al British Museum e si incontrano così papiri mesopotamici, monete e sculture greche e romane, incisioni giapponesi e perfino opere di artisti contemporanei. Il volume è già in vendita  nella libreria del museo. L’idea a Richard Parkinson è stata sollecitata dall’interesse che i visitatori hanno avuto per una mostra su Adriano imperatore romano e della […]

  

I resti archeologici di Pompei spostati a Londra al British Museum. In Italia musei e siti archeologici, ad iniziare dal Colosseo, sono chiusi o in sciopero.

Proprio così, per visitare nuovamente  Pompei sono dovuto andare a Londra al British Museum. Qui è aperta fino al 29 settembre la mostra “Life and Death: Pompeii and Herculaneum” ovvero  “Vita e morte a Pompei e Ercolano”. Mi sono mangiato le dita, perché la mostra l’avrei voluta a Milano a Palazzo Reale o a Roma al Quirinale. E invece niente, cilecca a Roma e cilecca a Milano dove il Sindaco Pisapia è alle prese con  l’aumento dei parcheggi da settembre e con il caso degli stilisti  Dolce & Gabbana. Sponsor della mostra italo-londinese  Goldmann Sachs. Un successo strepitoso l’aver portato […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019