Adrian Paci con “Interregnum” punta il dito sulle dittature comuniste. L’artista albanese incendia la storia al Centro Pecci per l’arte contemporanea di Prato.

103749-Schermata_2019-06-07_alle_09_03_5020-dsc01196-ph.oknostudio-perweb10-dsc02353-ph.oknostudio-perweb04-dsc02327-ph.oknostudio-perweb

La video installazione Interregnum di Adrian Paci (Scutari, 1969) è stata scelta per il dialogo che instaura con la mostra The Missing Planet, una ricognizione dell’arte post sovietica a partire dalla collezione del Centro Pecci; è visitabile fino al 23 agosto 2020 al Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci. Interregnum (2017) presenta un montaggio di sequenze di funerali di dittatori comunisti di diverse nazionalità ed epoche, recuperate dagli archivi di stato o dalle trasmissioni televisive albanesi. Il video collega diverse realtà comuniste attraverso il linguaggio condiviso del dolore e del lutto. Interregnum mostra dapprima uomini, donne, bambini ripresi in primo […]

  

L’ultima Nanda Vigo in mostra al MACTE di Termoli. Grandioso evento dell’artista della luce italiana, appena scomparsa.

Nanda-Vigo-foto-Ilaria-DefilippoIl-MACTE-di-Termoli-riapre-con-la-mostra-di-NANDA-VIGO-e-la-ricorda-1Il-MACTE-di-Termoli-riapre-con-la-mostra-di-NANDA-VIGO-e-la-ricorda-2-1024x683Il-MACTE-di-Termoli-riapre-con-la-mostra-di-NANDA-VIGO-e-la-ricorda-3-1024x683

                                                                                                                                                                                                                   Il Museo MACTE -Museo di Arte Contemporanea di Termoli-riapre la mostra  NANDA VIGO LIGHT PROJECT 2020, realizzata in collaborazione con l’Archivio Nanda Vigo inaugurata lo scorso 29 febbraio, chiusa subito dopo.E’ per l’appunto    ultimo progetto espositivo realizzato dall’artista in prima persona, ora visitabile fino al 13 settembre 2020. Nata a Milano, la Vigo aveva fuso nel suo lavoro l’arte, il design e l’architettura. Legata a Lucio Fontana e Piero Manzoni, alla concezione di design immaginato da Alessandro Mendini. Ripercorrendo alcuni punti salienti della ricerca di Nanda Vigo dagli anni Settanta a oggi, la mostra celebra una delle figure italiane […]

  

Chiara Dynys e il nostro tempo. Inscena i suoi libri di vetro alla galleria Building Box di Milano.

IMG20200428122601821_560103625-da_Testaccio_-_Enlightening_Books_-_2019_-_Vetro_sabbiato_dimerato_e_dipinto_a_mano_-_Dimensioni_ambiente_misura_variabile_28_1_CHIARA-DYNYS_coverSchermata-2020-05-22-alle-01.53.05-1280x720libri_vetro-3

A Milano i libri di vetro di Chiara Dynys in mostra alla galleria Building Box: “Anche loro sono simbolo di questo periodo”. Centosedici volumi realizzati in vetro, con uno speciale impianto di illuminazione che li rende visibili h24 dalla vetrina della galleria Building Box, in via Monte di Pietà 23, a Milano, installazione visibile fino al 21 giugno 2020.  È l’opera dell’artista Chiara Dynys per ricordare i libri, compagni della quarantena di molte persone durante i due mesi di lockdown dovuti al Covid. “Ci hanno tenuto compagnia in questo periodo di lontananza forzata – spiega l’artista – Ma sono stati anche […]

  

Il giapponese Shozo Shimamoto artefice del Movimento Gutai in mostra alla Cardi Gallery di Milano.

Shozo-Shimamoto-Io credo-che-la prima-cosa da fare-sia-liberare-il-colore-dal-pennello8shozo-shimamoto-Galleria-Cardi-di-Milano399421-unnamed_1_16713-02_Shozo_ShimamotoShozo-Shimamoto-durante-la-performance-al-MAGI-novembre-20081479744339shozo-shimamoto03.-Shozo-Shimamoto

La Cardi Gallery di Milano presenta una grande mostra personale dell’artista  giapponese Shozo Shimamoto (Osaka, 1928-2013). Questa esposizione,  aperta fino al 10 luglio 2020, attraverso un importante corpus di opere, mira a valorizzare la più tarda produzione dell’artista, che Rosanna Chiessi, fondatrice e presidente dell’Associazione Shozo Shimamoto fino alla sua scomparsa, ha supportato attraverso l’organizzazione di molte delle performance che hanno reso il maestro celebre in tutto il mondo. Shozo Shimamoto è stato co-fondatore con Jiro Yoshihara del movimento Gutai (che significa concretezza). Nel 1954 il movimento prese le mosse da una serie di fermenti che in quegli anni animarono il […]

  

A Berlino l’Arte della Pandemia. Gli artisti di Berlino espongono le proprie opere ai balconi di casa, per 48 ore.

unnamedRaul-Walch-e1586863411602-768x1024-696x9281586850461_unfurledtoiletpaper-696x463unnamed.jpgyy

Giorni fa l’amico Prof.  Gaetano Grillo illustre artista dell’Accademia di Brera a Milano mi invitava – unitamente ad una serie di intellettuali e artisti che gravitano nel campo dell’arte-   a rispondere a tre domande,  poi pubblicate su “Academy”,  su come sarebbe stato il mondo dell’arte dopo il Coronavirus.  Le mie risposte sono state mirate e propositive di un mondo che andava setacciato, e in profondo cambiamento,  per ridare voce alla vera arte al di là di forme ed economie.  E a tal proposito è nuova la  notizia che vi porgo. Il mondo dell’arte reagisce al lockdown proponendo iniziative e contenuti […]

  

Risentimento/Ressentiment. Un sentimento del nostro tempo nella prospettiva di tredici artisti internazionali. L’evento al Kunst Meran di Merano Arte.

3. retreat-raff7. Autoritratto, 2019, 40x30cm, pastelli e matita su carta, courtesy dell´artista (2)1. Francesca Grilli_ Performance The forgetting of Air_ Prato_02. Raul Walch Azimut_Moria_(No_One)4. Wolfgang Tillmans, anti-Brexit_Campaign_3_06. Barbara Tavella5. Wieland TaS_Cat Dog

“Il risentimento è come bere del veleno ed attendere che l’altra persona muoia”, così annuncia Malachy McCourt. Ora, fino al 14 giugno 2020, KUNST MERAN MERANO ARTE ospita la mostra “RISENTIMENTO”, che analizza lo stato emotivo che, come pochi altri, caratterizza il tempo presente. A partire da differenti approcci e prospettive, tredici artisti contemporanei internazionali, Teodora Axente, Francesca Grilli, Massimo Grimaldi, Klara Lidén, Christian Niccoli, Riccardo Previdi, Liesl Raff, Monika Sosnowska, Barbara Tavella, Wolfgang Tillmans, Beatrice Volpi, Raul Walch, Gernot Wieland, si confrontano con questa tematica. La mostra analizza lo stato emotivo che, come pochi altri, caratterizza il tempo presente. L’esposizione si apre con i poster realizzati […]

  

Pino Pinelli, filosofo della frammentità. Alla galleria A arte Invernizzi di Milano una sorprendente esposizione che traccia l’intera attività dell’artista italiano.

790c0f67039187262760032128cd128afbb99b12CARD3-620x388pino-pinelli-800x50029.04.17 TMH Pino Pinelli

La galleria A arte Invernizzi inaugura ha aperto una mostra personale di Pino Pinelli, visitabile fino al 6 maggio 2020. Il progetto, ideato in relazione allo spazio espositivo della galleria, presenta opere che mettono in luce il desiderio di sperimentare materie e supporti e la peculiare scelta di riduzione cromatica che sin dagli anni Settanta ne hanno guidato la ricerca. L’operosità estetica di Pino Pinelli che vive tutto il clima della pittura analitica, lascia vedere come negli anni sia stata permeata da tutta una filosofia greca, quella beninteso che seppero spiegare e indagare sulle origini del mondo, sui frammenti e […]

  

Nicola Salvatore presenta a Como il suo libro “moby dick, the unknown”, una vera e propria antologia artistica del suo lavoro in questi anni. Una lezione magistrale e internazionale. La balena dell’artista comasco diventa prezioso alleato alla nostra sopravvivenza.

IMG_20191217_183715Nicola SalvatoreScreenshot_20200203_171739_com.android.gallery3dIMG-20191114-WA0010IMG_8816IMG_20191217_183619Listener.pngzzScreenshot_20200201_175605_com.whatsapp

Mercoledì 5 febbraio 2020  alle ore 18 presso la sala conferenze di Villa Sucota a Como,  Nicola Salvatore,  illustre artista italiano e già docente di Pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, presenta il suo libro-monografia  “moby dick, the unknown” (Gutenberg Edizioni, 2019),  dialogando  con il collega Massimo Bignardi(docente di Storia dell’arte contemporanea e di Arte ambientale e architettura del paesaggio presso il Dipartimento di Scienze storiche e dei Beni culturali dell’Università di Siena), che ha scritto un singolare testo di introduzione  per il volume. “La sagoma di capodoglio che Salvatore ha proposto in questi anni e che […]

  

Arturo Vermi e l’Avanguardia del Segno e del Gesto nel Novecento in una mostra storica al Circolo Esteri della Farnesina. La grandiosa esposizione che apre il progetto “Mondi”, inaugurata alla presenza degli Ambasciatori Umberto Vattani e Gaetano Cortese e del Ministro Plenipotenziario Luigi Vignali. Evento di portata internazionale.

IMG-20200119-WA0006IMG_212082147264_2675726645873978_5800750952730329088_oIMG-20200119-WA0007IMG-20200119-WA0011IMG-20200119-WA0013IMG-20200119-WA0018IMG-20200119-WA0012IMG-20200119-WA0019IMG-20200119-WA0015Arturo_Vermi_ST_Dario_StoriaDellaChiesa_sd_tm_100x70IMG-20200119-WA0014ArturoVermi_piattaforma_1979_tm_90x160x5cm20200116_203953(1)

Ha per titolo “Arturo Vermi. I ritmi del segno” la grandiosa mostra che ha inaugurato il Progetto “Mondi” al Circolo Esteri della Farnesina a Roma, da me diretto. La mostra è stata aperta  alla presenza della vedova Anna Rizzo Vermi,  degli Ambasciatori Umberto Vattani e Gaetano Cortese e del Ministro Plenipotenziario Luigi Vignali. L’Ambasciatore Umberto Vattani, figura di spicco della Farnesina e ideatore della famosissima Collezione Farnesina  ha tenuto un commovente discorso, precedendo una mia lectio magistralis sull’artista italiano che con Lucio Fontana e Piero Manzoni  è stato una dei pionieri dell’avanguardia del secondo novecento. Ebbene questa mi pare sia […]

  

I Vestimenti di Sissi a Palazzo Bentivoglio a Bologna. Una luminosa esponente dell’arte contemporanea in Italia.

CXPQ1jOQsi e piu nudi vestiti-sitoSissi-ph.-Alessandro-Trapezio_2SISSI_1Sissi-Manifesto-Anatomico-veduta-della-mostra-presso-Museo-Civico-Archeologico-Gipsoteca-Bologna-2015-photo-Roberta-Serra-Iguana-Press-Courtesy-Istituzione-Bologna-Museiunnamed-4-1

Palazzo Bentivoglio a Bologna  presenta Vestimenti, una mostra personale di Sissi, visitabile fino al 19 aprile 2020. Sissi (Bologna, 1977) emerge sul finire degli anni Novanta, ancora giovanissima e mentre frequentava ancora l’Accademia di Belle Arti, rivelandosi immediatamente come una dei più luminosi esponenti dell’arte in Italia. La sua pratica sin da subito spazia dalle performance alle sculture, dai video alle fotografie, dai disegni ai dipinti. Gli stessi linguaggi molto spesso si mescolano tra loro andando a comporre opere che mantengono sempre una fortissima cifra stilistica. Le tematiche hanno come centro il corpo, dell’artista ma non solo, spesso declinato nei suoi […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020