LA PITTURA ANALITICA DI RICCARDO GUARNERI IN MOSTRA A MILANO NELLE GALLERIE IL MILIONE E ANTONIO BATTAGLIA.

riccardo-guarneri-9untitled.png1untitledimagesriccardo-guarneri-12riccardo-guarneri-16riccardo-guarneri-10

                                                                                                                    Le Gallerie Il Milione e Antonio Battaglia di Milano hanno inaugurato la mostra personale di Riccardo Guarneri, dal titolo “Pittura” negli spazi di entrambe le gallerie. Nella storica Galleria Il Milione sono presenti le opere dagli anni Settanta, mentre negli spazi dell’emergente Galleria Antonio Battaglia è esposto il lavoro dell’ultimo decennio accompagnato dalle più recenti opere su carta. E’ questo un importante ritorno a Milano dell’artista fiorentino, una delle figure più vitali della Pittura Analitica Italiana, insieme a Olivieri, Griffa, Pinelli, Gastini, Verna, Marchegiani, Zappettini, e Cotani. Il titolo della mostra “Pittura” si riferisce alla profonda ricerca di […]

  

A Palermo “La Pasiòn de Cristo” di F. Botero. La Via Crucis esposta a Palazzo Reale è una grande riflessione pittorica sul dramma di Cristo che tocca ancora il cuore dell’ umanità.

30417-04CabezadeCristo28076-02ElbesodeJudas30421-06MadredeCristo30411-01JesusylaMultitud30423-07MadreAfligida30419-05MariayJesusMuerto30415-03CristohaMuerto

La bellissima mostra “Via Crucis. La Pasión de Cristo” di Fernando Botero sbarca a Palermo. Dopo aver fatto tappa a New York, Medellin, Lisbona e Panama, la mostra (costituita da 27 dipinti ad olio e 34 disegni) è ospitata nelle Sale di Duca di Montalto del Palazzo Reale dal 21 marzo al 21 giugno 2015. Promossa dall’Assemblea regionale siciliana, dalla Fondazione Federico II e dal Museo colombiano di Antioquia quella di Palermo sarà l’unica tappa italiana. Donate dall’artista al Museo di Medellin, sua città natale, nel 2012 le opere rappresentano uno dei grandi temi dell’arte fin dal XVI secolo. “Tematica […]

  

L’officina inquieta di Jiri Kolar racconta le radici dell’Europa attraverso uno straordinario alfabeto morale. Frammenti e tracce diventano respiro del mondo.

imagesHV2PJM9Wuntitled.png2imagesG8YF3Q3KimagesC5CKYUQ4imagesJMPK97YWimages908RUTQ0imagesuntitled.png1untitledimagesAFOTDSYZ

Intellettuale insieme cosmopolita e profondamente innestato in una storia di tradizione alle radici dell’Europa contemporanea, interprete altissimo di quell’inquietudine culturale che ha connotato il XX secolo, Jiří Kolář è protagonista di un importante evento espositivo al Museo di Pittura Murale di San Domenico e alla Galleria Open Art di Prato. In collaborazione con la Galleria Open Art, con le sue oltre centocinquanta opere, esposte nelle due sedi, la mostra è la prima ampia retrospettiva dedicata a Kolář in Italia dalla sua scomparsa nel 2002 e intende testimoniare la straordinaria attualità e freschezza inventiva del suo linguaggio creativo. Le immagini sono […]

  

La cagnetta Zoe, regina del reportage fotografico dell’americano Ryan Fisher Martino, in mostra a Firenze e negli Stati Uniti.

untitleduntitled.png1untitled.png2affinita-elettive-ready-for-bed-ryan-fisher-martinountitled.png3untitled.png6untitled.png8

                            Ho visitato con vivace attenzione una bellissima mostra fotografica presso la Galleria Rosanna Tempestini Frizzi – La Corte Arte Contemporanea – di Firenze, il cui titolo “Affinità elettive” trae spunto dal celebre romanzo di Goethe, ed ha come soggetto non una modella, un reportage di un viaggio o una serie di paesaggi, ma Zoe, la cagnetta del designer americano Ryan Fisher Martino. La mostra è essenzialmente un omaggio, un atto d’amore per la “compagna” a quattro zampe con la quale l’artista trascorre gran parte della sua vita e per la quale nutre un amore profondo, un’affinità elettiva appunto. Il […]

  

5 ettari di grano nel cuore di Milano. L’americana Agnes Denes impianta un’opera da Land Art, “Wheatfield”, un enorme campo seminato a grano, poi coltivato e raccolto.

imagesOP07FNS0images3AUESY8JimagesQI8Q2QG2imagesYIDPL433images5V6XKOHP105136676-d4e31075-dbaf-477f-8722-2b72704a35b9

                                     E’ memoria fresca di cosa fosse Milano negli anni Cinquanta-Sessanta del Novecento, della sua trasformazione urbanistica e di cosa cantava Adriano Celentano nella canzone “Il ragazzo della via Gluck”, con quei versi che descrivono bene il cambiamento del secondo dopoguerra: “Là dove c’era l’erba ora c’è una città e quella casa in mezzo al verde ormai, dove sarà?” E di questi tempi, dei nostri giorni che a Milano succede esattamente il contrario e là dove c’era il cemento presto ci sarà addirittura un campo di grano, 5 ettari coltivati all’interno dell’area di Porta Nuova, tra grattacieli ed edifici futuristi. […]

  

Lo scheletro di un cavallo in Trafalgar Square a Londra. Lo scultore tedesco Hans Haache, invitato alla prossima Biennale di Venezia 2015, celebra il potere finanziario.

7cbd49f119c32fe7727ba22730b4a823_0plinth

  Prima Katharina Fritsch con il suo gallo ( Hahn/Cock) su una colonna di Trafalgar Square, alto 4,70 metri, tutto in acciaio inossidabile e fibra di vetro, completamente blu oltremare che tanto ricorda il celebre blu Klein, e che sa di infinito e di alchemia; imponente, impettito, austero, e anche buffo, il gallo della Fritsch agli inglesi non è piaciuto granché. Perché mai portare sul suolo britannico quello che resta il simbolo per eccellenza della Francia, istallandolo in una delle piazze simbolo della capitale? Una provocazione? Ora si sapeva che sarebbe arrivato l’artista tedesco, ma si sa che i progetti […]

  

Il regalo di Jim Dine al British Museum. Il celebre esponente della Pop Art americana ha regalato a Londra 234 opere.

2(32)untitledimages.jpg1images.jpg2untitled.png6imagesI0WCUR1RimagesimagesZJXLTV09imagesHGD62KF5

Jim Dine (Cincinnati 1935), celebre esponente della pop art americana e, secondo alcuni, del movimento neodadaista, ha regalato oltre 200 dei suoi dipinti al dipartimento stampe e disegni del British Museum. La collezione, che costituisce la donazione più importante del 2014-2015, comprende molti dei dipinti che hanno reso famoso l’artista dell’Ohio: chiavi inglesi, seghe, accappatoi, pennelli i soggetti preferiti da Dine, che lui ritrae come metafore di se stesso utilizzando vari mezzi espressivi, dalle xilografie, alle acqueforti fino alle litografie. Divenuto famoso grazie ai suoi happening, Dine prese parte alla mitica esposizione “New Painting of Common Objects” al Pasadena Art […]

  

Giuseppe Uncini e Marcello Jori alla Fondazione Marconi di Milano. Due protagonisti dell’arte italiana con lavori di preziosa storicità.

27022015115951270220151020152702201510253127022015102022270220151020262702201511593227022015115915270220151020102702201511595827022015115936

Nella sua sede in fase di ampliamento, la Fondazione Marconi presenta in contemporanea due mostre: una selezione di opere su carta di Giuseppe Uncini, eseguite tra il 1959 e il 1977 e un nucleo di dipinti inediti e di grande formato realizzati da Marcello Jori negli ultimi quattro anni, ispirati a Parigi e all’Île de la Grande Jatte. Giuseppe Uncini “In principio era il disegno”. Disegni 1959-1977 Giuseppe Uncini, nato a Fabriano nel 1929, si trasferisce a Roma dal 1953 dove entra in contatto con alcuni esponenti dell’arte italiana e internazionale, tra cui Burri, Capogrossi, Afro, Mirko, Cagli. L’intera sua […]

  

Salviamo la Lingua Italiana. Cancelliamo i forestierismi. Facciamo partire una crociata in difesa della nostra lingua.

images.jpg1imagesWH607OMSimagesJ2TBT5VEimagesI9Q31222imagesimages.jpg3imagesWH607OMS

Dobbiamo urlare tutti che in Italia, nella nostra nazione e nei nostri confini, vogliamo parlare italiano e solo italiano. Salviamo la Lingua Italiana. Non ci aiuta neppure il Presidente del Consiglio Matteo Renzi con il suo uso di “Jobs Act”, quando avrebbe potuto dire “Riforma del Lavoro”. Mettiamo al bando i forestierismi, le parole straniere. Non ci portano nulla. E poi sono orribili. C’ è da ricordare con rincrescimento la politica linguistica del Fascismo, e al bando conseguenziale che vi fu delle parole straniere (basti ricordare le insegne dei negozi). Oggi molte parole inglesi, ma anche francesi, potrebbero essere comodamente […]

  

L’universo e gli astri di Valdi Spagnulo. Una mostra in due sedi fa raccontare all’artista lo spazio e il battito del mondo.

untitled.png6imagesrev146805(1)untitled.png5images.jpg2untitled

                        La galleria “Gli eroici furori arte contemporanea” e lo “Studio Gabelli” inaugurano una personale dell’artista, d’adozione milanese, Valdi Spagnulo, dal titolo “La Via Lattea” e articolata nelle sedi rispettive. Pensata per questi spazi, l’esposizione racconta l’excursus della recente poetica dello scultore che, attraverso una raccolta di opere singole e diverse installazioni ripercorre circa 7 anni di lavoro. Le mostre oscillano quindi tra un recente passato e il presente. Valdi Spagnulo scandaglia l’universo e l’intero mondo degli astri con lune, stelle e vari corpi celesti. Persino una Via Lattea dove, secondo la fisica, le masse bianche e gassose fanno transitare […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2015