“Leonard Freed. Io amo l’Italia.”Il fotografo americano che amava l’Italia; una storia d’amore attraverso la fotografia, unica, folgorante, irripetibile.

InvitoAllestimento%20Leonard%20Freed_2LEONAR~1 (3)Allestimento%20Leonard%20Freed_4Allestimento%20Leonard%20Freed_1LEONAR~3 (3)Allestimento%20Leonard%20Freed_3LEONAR~2 (2)LEONAR~3 (2)LEONAR~2 (4)LEONAR~1 (2)

Una mostra come questa, rara, eccezionale, unica, complessa, storica, sociologica, e potrei continuare con altri aggettivi, è difficile trovarla. E soprattutto  capace di raccontare una storia d’amore tra un intellettuale e una terra come l’Italia. E invece di raccomandarvela a fine recensione ve la segnalo e ve la sottolineo subito all’inizio,  non con la matita  rosso-blu, ma con la matita bianca rossa e verde, che sono i colori della bandiera italiana.   Dunque, un importante corpus di cento opere, omaggio alla fotografia internazionale d’autore, è esposto al Centro Saint-Bénin di Aosta  fino  al 20 settembre, nella mostra “Leonard Freed. Io amo […]

  

La Biblioteca Vallicelliana di Roma celebra il suo fondatore, San Filippo Neri, con una mostra.

fdeaa9f881eec03d29f40f3da47aceb2ddf8d54

In occasione del Giubileo Straordinario della Misericordia proclamato da Sua Santità Papa Francesco  è aperta nel Salone Borromini della Biblioteca Vallicelliana(Piazza della Chiesa Nuova 18), la mostra bibliografica e fotografica “La Biblioteca Vallicelliana celebra il suo fondatore nel V Centenario della nascita: S. Filippo Neri (1515 – 1595)” visitabile  per tutta la durata dell’anno giubilare (dal lunedì al venerdì: ore 10 – 13 (chiuso i festivi).  Si tratta di una ricorrenza importante non soltanto per la Chiesa cattolica, che riconosce nell’Apostolo di Roma di origine fiorentina uno dei suoi santi più amati, ma anche per la Biblioteca Vallicelliana, che annovera […]

  

La “taverna dei terroni” a Milano nuovo ritrovo degli intellettuali e dell’alta borghesia. Situata nel Mercato Comunale di Viale Monza, gioiello di architettura fascista che ha cambiato destinazione d’uso.

35537_453211988085072_1880211951_n994719_1127156957296337_3071404863291017711_nIMG_0186IMG_0184

Sappiamo che i mercati comunali sono un punto di riferimento per la vita sociale del quartiere anche al di là della semplice funzione commerciale. Hanno un grande valore affettivo e storico, ma negli ultimi anni hanno sperimentato un declino di attrattività commerciale a motivo dell’evoluzione del contesto competitivo circostante e dei mutamenti sociali ( vedi i centri commerciali e i supermercati).  Occorreva e occorre, certo,   ripensare alla nuova funzione dei mercati, recuperando la loro storia,  adeguandola ai nuovi tempi. Così è stato per quel gioiello di architettura fascista  che è il Mercato Comunale di Viale Monza 54. E’ d’obbligo fare […]

  

“L’Italia ci guarda”. I migliori fotografi italiani fanno il punto sulla nazione italiana e la raccontano al MAXXI di Roma.

ExtraordinayVisions_0049983749837598376ExtraordinayVisions_0133

“Extraordinary Visions. L’Italia ci guarda” è il titolo della mostra fotografica aperta al MAXXI di Roma, in occasione del 70esimo compleanno della Repubblica Italiana, facendone il punto. Un punto più amaro che dolce. E non sono -come da titolo-  visioni extra-ordinarie,  quanto immagini  colte con  occhi straordinari,  quelli di alcuni tra i nostri  fotografi migliori. La mostra nasce per volontà del Maxxi che negli  ultimi anni  ha sguinzagliato questi ultimi in lungo e in largo per l’Italia, a  fornirci una radiografia dal vero della nazione. Una indagine a tutto campo non a parole ma con immagini, una specie di  Atlante […]

  

Il musulmano Gharrach Mourad alla Fondazione Blachère. Le sue foto insieme ad altri artisti africani gettano un ponte tra Europa e Africa.

4130007807_a5e6dd228e_bBIENNALE (2)malick-sidibesamuel-fosso

La fotografa Françoise Huguier, che è stata presente, nel  1994, all’iniziativa dei “ Rencontres de la photographie de Bamako”, ha  accettato la curatela, come commissario, di questa nuova esposizione della Fondazione Blachère(384 avenue des Argiles 84400 Apt Francia) dal titolo “Regard sur la photographie africaine”. E’ da tenere presente che “La collection d’art contemporain de la fondation Blachère illustre la vitalité et la créativité photographique du continent Africain, aussi variées que sa musique et son histoire ancienne et contemporaine”. I nuovi fotografi, ovviamente tentati dalla quadricromia sono impegnati entro una visione più globale e senza concessioni. L’evoluzione della foto, talvolta […]

  

John Currin, pittore di vita e di donne. L’artista americano in una grandiosa mostra al Museo Bardini di Firenze.

9b1526fd5c4b38e223fc84490315de01-kRKC-U1080744491029eDC-1024x576@LaStampa.itJohn-Currin1John-Currin-painting-at-Gagosian-in-Parisimages55R1547280-copie-820x550?????????????????Fig._3-The_PenitentOLYMPUS DIGITAL CAMERAlarge

John Currin( americano di Boulder-Colorado, 1962), è  senz’altro tra i più significativi  artisti del nostro tempo. Pittore di vita e di donne. E’  protagonista di un grande evento al Museo Stefano Bardini di Firenze (fino al 2 ottobre 2016), e si tratta della prima mostra personale di Currin in uno spazio pubblico italiano. Pittore sofisticato per tecnica e cultura visiva, Currin è conosciuto e apprezzato per ritratti elegantissimi e scene anche lascive interpretate con un ironico, sconcertante  realismo. Nei  dipinti, spesso  quadri di piccolo formato, Currin dissimula una conoscenza spiccata della storia dell’arte e un gusto assai sofisticato della composizione […]

  

In Bielorussia al lavoro nudi. Vero segno dei tempi, e per volere del Presidente.

nudi1nudi4PAY-CEN_UndressWorkTrend_02nudi2(2)PAY-CEN_UndressWorkTrend_04

In questi giorni di caldo feroce, a molti vien voglia di togliersi ogni abito. Ma si può stare nudi al lavoro?  Sembrerebbe di si, a sentir quanto è successo in Bielorussia, tanto che la notizia che sto per darvi  sta facendo il giro del mondo. Cosa è successo? Ecco, mettiamola così.  Il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko, per esortare i giovani al lavoro, durante una conferenza a Minsk  si è impappinato  e invece di dire “lavoro e sviluppo”, ha pronunciato  male la parola “sviluppo” che è così diventata  “svestiti”. Sicchè  “lavoro e svestiti”. Presto detto, presto fatto, per quanto  ufficialmente  invocato […]

  

Preziose carte di Giancarlo Marchese, scultore della “Scuola di Milano”, in mostra all’Università Bocconi di Milano.

MARCHESE Ritratto-002516tricoloreD.N.2009-21-2009         cm.45x30D.N.2013-3-2013 cm126x100D.N.2009-22-2009   cm45x30la direzioneD.N.2008-1-2008        Studio  per Santa Tecla cm77x56

La mostra  di Giancarlo Marchese(Parma 1931- Milano 2013) appena conclusa all’Università Bocconi  ha messo in evidenza lavori su carta  che io preferisco chiamare “appunti”, tracce guida, anche se debitamente compiuti e ben realizzati, e -dunque- capaci di farsi leggere “apparizioni”, scoperte, lacerti di linee ,forme e colori. Queste carte, primi “spleen” di creatività che Marchese, illustre docente di scultura all’Accademia di  Brera, eppoi scultore di chiara fama,  ha subito fermato, e taluni poi tradotti e realizzati in scultura, manifestano già la armonia dello spazio  raccontato e la luce, anzi quelle lance di luce che circolano liberamente fra le forme tutte, […]

  

Trevor Paglen vincitore del Premio per la Fotografia, edizione 2016, della Deutsche Börse Foundation.

trevor-paglen

Trevor Paglen(Maryland-Stati Uniti, 1974) è risultato vincitore per una mostra messa in scena lo scorso anno, al Kunstverein di Francoforte con il titolo  “The Octopus”, esposte  c’erano una serie di fotografie di aree militari e del governo statunitense ad “accesso limitato” o proibito, e anche immagini che mostrano le traiettorie di volo di droni,  insieme ad una serie di sculture. Il grande fotografo, regista e attivista Trevor Paglen, si porta a casa l’edizione 2016 del Premio per la  Fotografia  messo in palio dalla Deutsche Börse Foundation, per un totale di 30mila sterline. “La giuria ha riconosciuto al progetto di Trevor […]

  

La luna di latte di Camille Henrot in mostra al Madre di Napoli.

camille_henrot_ridottaindex

Al museo MADRE  di Napoli è una vera e propria illuminazione la mostra di Camille Henrot (Parigi, 1978, Leone d’argento alla 55 Biennale di Venezia) dal titolo “ Luna di latte” (Sala delle Colonne, primo piano). La mostra, a cura di Cloé Perrone, esplora il significato culturale e simbolico del lunedì, il “giorno della luna”, reinterpretando il lato oscuro della notte a cui esso è tradizionalmente connesso, in un preludio di prolifica e fantastica invenzione, che l’artista decide di condividere con il pubblico. La luna, con il suo perenne moto, da sempre influenza il nostro pianeta, noi, i nostri umori, il nostro immaginario e la nostra […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2016