Lady Tarin e Roberto Kusterle alla Maxima Gallery di Roma indagano l’erotismo con la macchina fotografica.

47063563_1935480169899037_580942043870658560_ncarlotta_147694473_605260276560966_7493846271713217924_nMaximagallery_momenti_dicembre2018-15Maximagallery_momenti_dicembre2018-63Kusterle-locandinanuditas2.-Maximagallery_spazi_dicembre2018-15Maximagallery_momenti_dicembre2018-107

Alla Maxima Gallery, galleria d’arte moderna e contemporanea, specializzata in mediazioni d’arte e curatela di collezioni private,  è  presente l’esposizione fotografica dedicata a Lady Tarin e Roberto Kusterle. La mostra, curata da Claudio Proietti, presenta i lavori dei due artisti, per la prima volta assieme. Partendo da un comune mezzo di espressione, la macchina fotografica, e dalla predilezione per il monocromo, i due inaugurano un ideale duello attorno al corpo e alle sue forme di manifestazione, nodo centrale della ricerca artistica di entrambi. È Lady Tarin stessa a definire il filo conduttore della sua indagine l’erotismo inteso come forza vitale. […]

  

Il giapponese Tetsuro Shimizu vive la pittura come via allo Zen. Una mostra alla Galleria Antonio Battaglia di Milano presenta le ultime opere aniconiche.

7c08834c-89dd-4570-ab5b-1423f62252a2untitledCopertina-catalogo-Tetsuro-Shimizu-300x284Tetsuro_Shimizu,_Barlume_T-1,_2016,_olio_su_tela,_60_x_52_cmimagesVYPTU6BFT__Shimizu,_Anelito_T-2,_2016,_olio_su_tela,_60_x_52_cm

La Galleria Antonio Battaglia di Milano, attiva nel quartiere di Brera, ha inaugurato la prima personale in galleria dell’artista giapponese Tetsuro Shimizu (Tokyo, 1958). In mostra tutte opere pensate per lo spazio che l’artista ha realizzato negli ultimi due anni, lavorando anche su una maquette in scala della galleria. Per interderci calza a proposito la frase di apertura del testo che lo presenta in  catalogo, è una frase di Eraclito (DK54) che dice: “  L’armonia nascosta vale di più di quella che appare”. Shimizu lavora da sempre sulla costruzione del quadro con la sagomatura della tela con telai da lui […]

  

Le rose di Arturo Vermi. Una straordinaria raccolta di opere tra poesia, bellezza, mistero e amore alla Leo Galleries di Monza.

287aa29bf00-f361-11e8-9aa1-3dda9c965bad-rimg-w300-h300-dc544637-gmirvermi

E’ proprio da uno degli artefici del gruppo “Cenobio” (Arturo Vermi, Agostino Ferrari, Angelo Verga, Ugo La Pietra, Ettore Sordini ed anche Raffaele Menster che abbandonò prestissimo il gruppo) movimento attivo a Milano negli anni 1962/‘63 attorno allo sperimentalismo segnico del dipingere; vale a dire Arturo Vermi  che negli anni Ottanta del Novecento  e in anni di sperimentalismo figurale – vedi la Transavanguardia-  si proponeva di richiamare lo spettatore a meditare sulla relazione tra immagine e parola  in termini logici e semeiotici,  elaborando così un’immagine naturale che gli ruotava attorno quotidianamente, da essere usata come linguaggio e mimesi, di pensiero […]

  

Tefaf Maastricht annuncia la lista degli espositori 2019. TEFAF Maastricht è la Fiera d’arte e antiquariato più importante del mondo.

artobject73artobjectartobject33artobject77artobject56artobject55artobject78artobject98

(inviato nei  Paesi Bassi, 29 dicembre 2018).  L’edizione 2019 di TEFAF Maastricht accoglierà 38 nuovi espositori in seguito a una revisione dettagliata dei protocolli di selezione della Fiera. I 277 galleristi che parteciperanno il prossimo marzo, la cui offerta coprirà ben 7000 anni di storia dell’arte, promettono di offrire ai collezionisti privati e istituzionali opportunità impareggiabili. In particolare, TEFAF è lieta di dare il benvenuto a una nuova selezione delle migliori gallerie di arte moderna e contemporanea, che si uniranno ai superbi espositori già presenti in Fiera. TEFAF Maastricht 2019 avrà luogo dal 16 al 24 marzo 2019 al polo […]

  

Robert Mapplethorpe.Coreografia per una mostra al Museo Madre di Napoli fra fotografia e performer. Si illuminano teatralmente esibizioni, sguardi ed erotismo.

1_Phillip_1979_Copyright Robert Mapplethorpe Foundation_Used by permissionMapplethorpe FN 96.4362DH 6/6/004_ThomasAndDovanna_1986_Copyright Robert Mapplethorpe Foundation_Used by permission (2)madre-napoli_robert-mapplethorpe_7-1400x9333_WhiteGauze_1984_Copyright Robert Mapplethorpe Foundation_Used by permissionmadre-napoli_robert-mapplethorpe_6-1400x933madre-napoli_robert-mapplethorpe_5-1400x933madre-napoli_robert-mapplethorpe_5.1-1400x933

Coreografia per una mostra / Choreography for an Exhibition, aperta fino all’8 aprile 2019 al MADRE di Napoli si concentra in modo inedito sull’intima matrice performativa della pratica fotografica di Mapplethorpe, sviluppata, nel concetto e nella struttura di questa mostra, come un possibile confronto fra l’azione del “fotografare” in studio (nell’implicazione autore / soggetto / spettatore) e del “performare” sulla scena (nell’analoga implicazione performer / coreografo / pubblico). Questa “coreografia” espositiva si articola in tre sezioni fra loro connesse. All’inizio un’Ouverture, nella sala d’ingresso e nelle due sale attigue, che ridisegnano lo spazio-tempo del museo infondendogli un’ispirazione teatrale, tesa nel gioco di sguardi fra le due “muse” mapplethorpiane, femminile e maschile, Patti Smith e Samuel Wagstaff Jr. A seguire, nelle cinque sale iniziali e nelle […]

  

Tony Tedesco novello campione dello spazialismo in mostra a Firenze al Plus Florence. Tracce, segni, spazialità, impronte, materie e colori monocromi ne attestano l’universo.

IMG-20181213-WA0046IMG-20181213-WA0043IMG-20181213-WA0042IMG-20181213-WA004540x50_(2)IMG-20181213-WA0044

La recente mostra al Plus Florence di Firenze dal titolo “Impronte adimensionali”, chiarisce il lungo percorso iniziato fin dagli anni Ottanta del Novecento che Tony Tedesco (Milano 1952) ha avviato proprio nel quartiere di Brera, anzi meglio dire nello storico Bar Giamaica,  e lì da me presentato allora come uno dei giovani artisti in crescita nell’universo artistico contemporaneo. Da allora, per l’appunto, Tony Tedesco ha portato avanti capitoli diversi del suo lavoro, certo con materiali diversi,  anche se tutto avvitato attorno all’adimensionalità, vale a dire a quello sfuggire il perimetro, il recinto, il territorio, per guardare all’infinito, all’aperto, allo spazialismo. […]

  

Roberto Marcello Baldessari, pittore futurista. Alla Leo Galleries di Monza una raffinata mostra con opere magistrali.

71024_unnamed(6)%20(1200x864)%20(1200x864)-696x385RMBaldessari_RitrattoSignorinaDafne_1916_oliosucartone_cm385x255-390x480RMBaldessari_figuraInRosso-luce_1919_oliosucartone_cm247x16-305x480roberto-marcello-baldessari-incisore-futurista-contributo-290df0aa-ce20-45ce-bdc0-30978e224722

Trovare una mostra  di altissimo valore e per di più storica oggi è una preziosità rara. Maggiormente la cosa si amplifica se la  mostra  è non solo un viaggio nella vita e nell’arte dell’artista in questione, ma si pone anche come una sorta di riscoperta. E’ il caso  di Roberto Marcello Baldessari. La Leo Galleries  a Monza ospita attraverso un allestimento mirato, un’antologia del percorso  di uno dei massimi esponenti del Futurismo italiano, svelata  attraverso una ventina delle sue opere più rappresentative, scelte da Maurizio Scudiero, autore del “Catalogo ragionato delle opere futuriste” dell’artista. Ed è stato proprio il collega  […]

  

Armando Marrocco, artista concettuale, vero sciamano dell’arte contemporanea. In mostra alla Galleria Vigato di Alessandria sue opere che attraversano tutti i movimenti del secondo Novecento.

Marrocco_A_52x365cm_1980_tmsucartone_rottasudsudest-226x300Marrocco_A_leportedeldestino_1976_tmsutavola_sdMarrocco_A_lisoladelcavaliereardente_435x435cm_1973_sd-300x300cavalieri-ardentixMarrocco_A_250x270cm_1978_tmsutela_X_Michetti-300x278

La mostra di Armando Marrocco (Galatina-Lecce 1939),  artista illustrissimo  e di chiara fama  come amo definirlo, in corso alla Galleria Vigato-Arte Contemporanea di Alessandria, sempre attenta nella scelta delle figure dell’arte contemporanea da proporre lascia vivere  sensibilmente lo spaccato di una storia quale quella di Armando Marrocco che giovanissimo è giunto a Milano nei primissimi anni ’60 del Novecento trovandosi così coinvolto nei più importanti movimenti artistici dell’epoca. La mostra, aperta fino all’8 dicembre 2018   si tiene con il patrocinio della Città di Alessandria e di “850 anni Alessandria”(1168-2018),esposizione sicuramente “storica” -aggettivo da sottolineare-  perchè riunisce opere ed esemplari  delle […]

  

Francesco Somaini scultore. La stagione americana in mostra alla Galleria Open Art di Prato.

Ritratto_1978 Duisburg_00385139-unnamed-2Francesco_Somaini_Antropoammonite_IV_1975-495x400Francesco-Somaini-Memoria-dell’Apocalisse-II-1962-bronzo-patinato-con-lucidi-parziali-su-base-in-ferro-a-putrella-211x102x130-cm-CopiaFrancesco-Somaini-Grande-Martirio-Piagato-II-Versione-1960-peltro-con-lucidi-parziali-e-base-originale-in-legno-133x65x50-cm-Copia

La Galleria Open Art di Prato presenta  fino  al 9 febbraio 2019, “La stagione americana” dello scultore Francesco Somaini (Lomazzo, 1926 – Como, 2005), uno degli artisti italiani contemporanei più rappresentati nei musei americani. L’esposizione, realizzata in collaborazione con l’Archivio Somaini,  attraverso opere selezionate, ripercorre la fase compresa tra la fine degli anni Cinquanta e gli anni Sessanta, periodo in cui il lavoro di Somaini ha ottenuto un particolare consenso e una notevole attenzione da parte di collezionisti e istituzioni statunitensi. Quasi tutte le opere che vengono presentate in questa occasione sono state in collezioni americane o sono state esposte […]

  

Giovanni Boldini. Cinquanta opere su carta. Alla Galleria Bottegantica di Bologna omaggio a uno degli indiscussi protagonisti della pittura dell’Ottocento.

Boldini - Studio di mani altaBoldini - Tre studi per il ritratto della Marchesa Dora di Rudinì LabouchèreBoldini- Studio per ritratto di donna, 1920Boldini -Visi di donnaBoldini Figura femminile, 1890-1899Boldini - ritratto di Dora di Rudini'Boldini - Collonade a Versailles alta doria n. 2039Boldini - Colonna del Leone e Venezia alta Doria n. 1650

A vent’anni dalla prima rassegna dedicata alla produzione grafica di Giovanni Boldini, la Galleria Bottegantica rende nuovamente omaggio, nei suoi spazi di Bologna (via D’Azeglio 96/A), a uno degli indiscussi protagonisti della pittura dell’Ottocento. Curata da Stefano Bosi e da Enzo Savoia, la mostra, aperta fino  al 19 gennaio 2019, presenta una raffinata selezione di 50 opere su carta, alcune delle quali mai esposte in pubblico, provenienti da prestigiose collezioni private, che testimoniano la singolare capacità espressiva del maestro ferrarese nell’arte del disegno e dell’incisione. Quella del disegno è una tecnica sperimentata da Boldini fin dalla tenera età, al punto che una leggenda di famiglia racconta che l’artista […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019