Le Pandemie del Novecento e il Coronavirus.

51VP7CfqZpLepidemia.700Clipboard-0061-kBpF-U3170906494648tC-656x492@Corriere-Web-SezionispagnolaClipboard-0066-kBpF-U3170906494648nxF-420x571@Corriere-Web-SezioniClipboard-0079-kIJ-U3170906494648C2H-473x705@Corriere-Web-SezioniClipboard-0062-kBpF-U3170906494648cNH-140x180@Corriere-Web-Sezioni (2)lapide_alla_spagnola._canosa(1)

Con la pestilenza del Coronavirus  che ammorba il mondo, l’Europa e l’Italia, tutti parlano, tutti sanno, tutti hanno da dire la loro. Pochi guardano dentro la storia del passato  per capirne di  più. Proviamo a declinarne una breve storia.  Anzitutto l’epidemia che è stata chiamata “la Spagnola”. Siamo al 1918, e dentro la Prima Guerra Mondiale. Con data 24 ottobre 1918  appariva sul “Il Corriere della Sera” del tempo il titolo “Circolare di Orlando contro le voci false ed esagerate sull’epidemia”; Orlando era il siciliano Vittorio Emanuele Orlando  Presidente del Consiglio e Ministro dell’Interno. Il politico italiano nei mesi successivi […]

  

Giovanni Battista Crema, artista tra Divisionismo, Simbolo e Realtà. Una preziosa retrospettiva di un grande alla galleria Berardi di Roma.

e6592bb3-cd26-49b2-88c7-2658f280400eA 94793459992c4-e647-48f9-934f-9e89afb32e0f

Originale interprete del divisionismo italiano, Giovanni Battista Crema è stato uno dei più prolifici pittori della scena romana dei primi decenni del Novecento. Nato a Ferrara da famiglia facoltosa, nel “Palazzo Crema” di via Cairoli dalla suggestiva loggia quattrocentesca, Crema dimostrò già in tenera età sorprendenti doti di disegnatore, tali da spingere il padre – l’avvocato Carlo Crema, che desiderava per il figlio una carriera giuridica – a mandarlo nella bottega del ferrarese Angelo Longanesi-Cattani nel 1897. Appresi i rudimenti della pittura, il giovane decise di trasferirsi a Napoli per seguire gli insegnamenti di Domenico Morelli, allora all’apice della celebrità. […]

  

Ottone Rosai inedito. Un grande artista del ‘900 in mostra al Palazzo Del Podestà di Montevarchi(Arezzo).

rosailancio201812030102400b461592145bee729956a60c54537f833-413x505cover

Ottone Rosai (Firenze 1895 – Ivrea 1957), uomo dalle travolgenti passioni, fu artista che scelse di leggere le novità del suo tempo alla luce della grande arte del Tre-Quattrocento toscano. Nel centenario (1920) della prima personale fiorentina di Rosai, che lo impose all’attenzione del mondo dell’arte, la città di Montevarchi, nell’aretino, ha deciso di proporre un’ampia e del tutto originale retrospettiva dedicata al maestro toscano. A curarla è il collega professor Giovanni Faccenda, massimo esperto di Rosai e curatore del catalogo generale delle sue opere. La mostra riunisce, nella storica sede di Palazzo del Podestà, cinquanta opere di Rosai, per […]

  

Modigliani e l’avventura di Montparnasse. Capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre. La grande retrospettiva a Livorno nel Museo della Città, terra natale dell’artista, in occasione del centesimo anniversario della sua scomparsa. Anche un Convegno su “Modigliani ebreo livornese”.

indexMostra Modigliani, taglio del nastro al Museo della CittàMODIGLIANI-28-1024x683modigliani10immagini.quotidiano.net.jpgcccimmagini.quotidiano.netModigliani-1-1Paulette Jourdain, by Amedeo ModiglianiimagesFotogramma_Modigliani_Livorno_HEROmodigliani-2modigliani-3index.jpgbb

E’ stata presentata, alla presenza del sindaco di Livorno Luca Salvetti, dell’assessore alla cultura Simone Lenzi, del curatore della mostra Marco Restellini e del coordinatore del progetto Sergio Risaliti la mostra  Modigliani e l’avventura di Montparnasse. Capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre. L’esposizione, fortemente voluta dal Comune di Livorno, ha l’obiettivo di far ritornare nella sua città natale “Dedo” in occasione del centesimo anniversario della sua scomparsa. Era il 22 gennaio 1920 quando Amedeo Modigliani è ricoverato, incosciente, all’ospedale della Carità di Parigi dove muore, due giorni dopo, all’età di 36 anni, di meningite tubercolare, malattia incurabile al tempo, che […]

  

Il trentino Tullio Garbari interprete di un primitivismo colto, protagonista al Palazzo delle Albere di Trento.

Tullio_Garbari_La_sibilla_cumana_dettaglio_1930_Mart_Provincia_autonoma_di_Trento_Soprintendenza_per_i_beni_culturali_mostretullio-garbari-la-sibilla-di-terlago97671-02_Tullio_Garbari_Figure_in_Piazza_Duomo_Tre_sorelle_1924_

Interprete di un “primitivismo colto” che coniuga le forme semplici della pittura con un prolifico studio del passato, l’artista trentino Tullio Garbari è il protagonista della mostra organizzata dal Mart di Rovereto a Palazzo delle Albere. Il percorso espositivo – una selezione di opere provenienti dalle raccolte provinciali e conservate nelle Collezioni museali – esplora il legame dell’artista con il suo territorio e rappresenta il secondo appuntamento di Galassia Mart, una nuova proposta di mostre e appuntamenti sul territorio per valorizzare il Trentino come sistema museale diffuso. Con l’opera di un noto artista trentino, Tullio Garbari, il Mart di Trento […]

  

Ritratto di donna. Il sogno degli anni Venti, il realismo magico e lo sguardo di Ubaldo Oppi. La mostra nella Basilica palladiana di Vicenza.

1_Oppi_adriatico-copia1_Felice-Casorati_Concerto.2_Oppi_amazzoni3_Gian-Emilio-Malerba_Lattesa.-150x1505.-150x1506_Kees-Van-Dongen_Ritratto-di-Fernande-Olivier-copia14.-150x1508.-150x1503_Oppi_amiche-copia-150x150Ritratto-della-moglie-Oppi.-150x150

L’amicizia femminile, il sogno, il doppio riflesso nello specchio, il rapporto tra il pittore e la modella, donne fiere al punto da divenire feline, la nostalgia di paradisi perduti, ma anche la crudezza della realtà, sono i temi centrali della mostra. Dipinti meravigliosi, abiti bellissimi, gioielli, sogni di esotismo, desideri di viaggi e amori pervadono lo spazio espositivo, in dialogo bellissimo con l’architettura della basilica palladiana. L’effetto è magico, rievocando quegli Anni Venti in cui, come scrisse la prima critica d’arte donna, la potente Margherita Sarfatti, “la pittura appare tra tutte l’arte magica per eccellenza”. Lo scrittore Massimo Bontempelli, quasi […]

  

Amedeo Modigliani e l’avventura di Montparnasse. Capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre al Museo della Città di Livorno, nel centesimo anniversario della morte.

Fig.1Fig.2Fig.5Fig.10Fig.12(1)Fig.9Fig.16Fig.15(1)

Ecco la mostra “Modigliani e l’avventura di Montparnasse. Capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre” (Museo della Città di Livorno fino al 16 febbraio 2020), organizzata dal Comune di Livorno insieme all’Istituto Restellini di Parigi con la partecipazione della Fondazione Livorno. E’ curata da Marc Restellini con il coordinamento di Sergio Risaliti ed offre al pubblico l’occasione di ammirare ben 14 dipinti e 12 disegni di Modigliani raramente esposti al pubblico.  L’esposizione, fortemente voluta dal Comune di Livorno, ha l’obiettivo di far ritornare nella sua città natale “Dedo” in occasione del centesimo anniversario della sua scomparsa. Era il 22 gennaio 1920 quando […]

  

“Il dio di New York” è il romanzo dell’anno. Il capolavoro dello scrittore Luigi Fontanella (professore alla State University di New York) mette a fuoco la storia di un immigrato meridionale verso l’America nei primi anni del Novecento.

arton63779-9a425luigi-fontanella-il-dio-di-new-york-coverluigi-fontanella-e-adriano-spatola-anni-settantamaxresdefault-1-620x430

Fra i tanti volumi, romanzi, poesia e saggistica, che mi arrivano sul tavolo per recensione, pochissimi hanno il dono di porsi  e reggere allo status di  capolavori, capaci di resistere nel tempo e soprattutto di rimanere nella storia della letteratura italiana. Ora un libro che ho tenuto sul tavolo  per un po’ di tempo, mi giunge a fine lettura degnissimo da essere consigliato a voi lettori.  E’  un romanzo  dal titolo “Il dio di New York”(Luigi Fontanella, Il dio di New York, Passigli editore, pp. 276, € 19,00),  scritto da Luigi Fontanella, un collega preparatissimo e  illustre professore, docente ordinario […]

  

Da Bertelli a Guidi. Vent’anni di mostre dell’Associazione “Bologna per le Arti” a Palazzo Accursio a Bologna. L’arte bolognese tra fine Ottocento e inizio Novecento.

5. Coriolano Vighi, Dopo il temporale, 1895, collezione privata-min15.Ugo Guidi, Riposo, collezione privata-min2 Luigi Busi, Tutti hanno il loro nido, collezione privata-min11. Alfredo Protti, 1912, Il sonnellino, collezione privata-min14. Giulio Fiori, Intimità, collezione privata-min13. Giovanni Romagnoli, Betsabea, collezione privata-min4. Raffaele Faccioli, Lavandaie a Pontelungo, collezione privata-min

L’Associazione Bologna per le Arti celebra i vent’anni di attività con una grande mostra a Palazzo d’Accursio, “Da Bertelli a Guidi – Vent’anni di mostre dell’Associazione Bologna per le Arti”, aperta fino al 16 febbraio  2020 presso la Sala Ercole di Palazzo d’Accursio (piazza Maggiore 6, Bologna). La mostra, a cura di Stella Ingino e Giuseppe Mancini, con il patrocinio del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, della Regione Emilia-Romagna, della Città Metropolitana di Bologna, del Comune di Bologna e dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, presenterà un consistente corpus di opere di quindici […]

  

Il Futurismo ad alta velocità. Leo Galleries a Monza ne celebra il movimento con una mostra sulla velocità, uno degli aspetti preminenti dei futuristi.

RobertoMarcello_Baldessari_piazza+auto+caffe _1916circa_PastelliSuCartaIncollataSuTavola_29,5x40cmBruschetti_1933_AereiSullaCampagnaUmbra_olioSuTela_60,5x82,5cmGerardo_Dottori_1935_Paesaggio_Con_Lago_e_Fiumi_olioSuTavola40x30cm

Il 20 febbraio 1909 usciva riempendo ogni spazio  internazionale, su “Le Figaro”, a Parigi, il Manifesto di fondazione del futurismo, stilato da F.T Marinetti, poeta, letterato e geniale comunicatore. Con quello scritto programmatico Marinetti inaugurava una modalità di comunicazione dirompente e inedita per la cultura, utilizzata sino ad allora solo nella propaganda politica o nella nascente pubblicità, perché, come scrisse, “gli articoli, le poesie e le polemiche non bastano più. Bisogna assolutamente cambiare metodo, scendere in strada, prendere d’assalto i teatri e introdurre il pugno nella lotta artistica”. Strumento di comunicazione “rumoroso” e popolare, il manifesto, diffuso con volantini stampati talora in […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020